Skip to content

Alice tra senso e non senso. Studio su Lewis Carroll

Informazioni tesi

  Autore: Giordana Pagliarani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Stefano Velotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

Il Thè dei Matti ed il controllo del Tempo

Apparecchiato sotto un albero davanti alla casa, c’era un tavolo dove il Leprotto Marzolino e il Cappellaio Matto prendevano il tè; seduto in mezzo a loro, c’era un ghiro che dormiva della grossa, mentre quei due lo usavano come cuscino per appoggiarci sopra i gomiti e conversavano al di sopra della sua testa. […]

Per quanto la cosa non scoraggiasse minimamente Alice, che andò ad accomodarsi su un’ampia poltrona a capotavola, l’accoglienza non fu delle migliori. Il Leprotto e il Cappellaio erano impegnati nei preparativi per l’ora del tè ed in argomenti che ad Alice sembrarono del tutto inutili anzi una vera e propria perdita di tempo, tanto che


“dovreste imparare ad usare un po’ meglio il vostro Tempo” disse Alice […] “se tu conoscessi il Tempo come lo conosco io” replicò il Cappellaio “non oseresti parlarne con tanta disinvoltura; lui è un Signor Tempo”.


Tra il Tempo di cui parla Alice e quello del Cappellaio c’è una differenza, quello di Alice è il Tempo che conosciamo bene, quello degli eventi che si susseguono uno dopo l’altro, quello che a volte ci è nemico a volte amico. È quello delle azioni che si compiono nel presente, è fisico, ciclico, corporeo, variabile; si snoda su di una linea retta, insomma è Kronos.
Invece il Tempo del Cappellaio è Aion, per il quale esistono solo passato e futuro un’azione è sempre già accaduta e sta sempre per accadere è sempre l’ora del tè. È incorporeo il suo esistere non dipende dal compiersi dell’azione, non lo riguardano i fatti fisici ma le azioni pure. Cosa sia l’Aion lo spiega bene Deleuze nella Logica del Senso:


Secondo Aion soltanto il passato e il futuro insistono e sussistono nel tempo. Invece di un presente che riassorbe il passato e il futuro, un futuro e un passato che dividono ad ogni istante il presente, che lo suddividono all’infinito in passato e futuro, nei due sensi contemporaneamente. Aion si estende in linea retta illimitato nei due sensi. Sempre già passato e eternamente ancora da venire, Aion è la verità eterna del Tempo; pura forma vuota del Tempo […] è il presente senza spessore, il presente dell’attore, del ballerino e del mimo puro momento perverso. È il presente dell’operazione pura e non dell’incorporazione Secondo Aion soltanto il passato e il futuro insistono e sussistono nel tempo. Invece di un presente che riassorbe il passato e il futuro, un futuro e un passato che dividono ad ogni istante il presente, che lo suddividono all’infinito in passato e futuro, nei due sensi contemporaneamente.


L’Aion è l’infinito, il Tempo del puro divenire, dell’evento in quanto tale; il suo rapporto con gli eventi è al di fuori di ogni causalità fattuale, in rapporto solo con gli eventi e non con i fatti e con l’essere. Durante il tè del Cappellaio l’eterno desiderio dell’uomo di gestire il Tempo sembra realizzarsi; l’ora del tè si prolunga all’infinito, è sempre tutto pronto ed apparecchiato, ma il tè è sempre appena stato preso o si è sempre sul punto di prenderlo, non lo si prende mai.
Con Aion l’azione è sempre appena passata o ancora da compiersi. Questo permette di evitare lo sviluppo degli eventi lungo una linea verticale che porta un azione dal compimento alla fine.
Il compiersi e finire dell’azione corporea non c’è più, rimane l’evento puro, dove non c’è nè dolore nè evoluzione.
Nelle Avventure il Tempo viene oggettivato nell’orologio; l’orologio del Coniglio Bianco, che gli ricorda sempre quanto sia tardi, e l’orologio presente nel settimo capitolo


“E’ indietro di due giorni !” sospirò il Cappellaio Matto. “Te l’avevo detto che il burro non fa bene agli ingranaggi!” aggiunse, guardando in malo modo il Leprotto Marzolino.[…] Alice aveva sbirciato da sopra la spalla del Leprotto Marzolino con una certa curiosità. “Che buffo orologio!” osservò. “Dice qual è il giorno del mese ma non dice l’ora!”.

Il Cappellaio Matto ed il Leprotto Marzolino gestiscono l’Orologio-Tempo come se fosse un vecchio amico con cui è meglio non litigare, ma che se lo si sa prendere è ben disposto a farci qualche favore, fermandosi sull’orario che più ci fa comodo:


“Ci scommetto che non hai mai provato a parlarci assieme, col Tempo!” “[…]. Vedi se te lo tieni amico, lui fa quasi tutto quello che vuoi con l’orologio.[…]”


Quindi si può riuscire a scappare dal Tempo del dovere, delle scadenze, degli impegni, insomma a contrapporre Aion, il Tempo del sempre passato e sempre futuro, a Kronos per il quale, come dice ancora Deleuze: soltanto il presente esiste nel Tempo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Lewis Carroll e Alice Vedo come vedevo (da bambino), ma dietro agli occhi mi vedo mentre vedo; e questo basta a oscurarmi il sole e a far diventare vecchio il verde degli alberi e a far appassire i fiori prima che fioriscano Fernando Pessoa Cenni biografici Prima di analizzare l’opera di Carroll mi è sembrato giusto apportare al mio lavoro uno studio, per quanto sintetico, il più fedele ed esaustivo possibile, sulla vita di questo matematico vittoriano, uomo di chiesa ed appassionato di fotografia, scienziato ed inventore. Per i riferimenti biografici mi sono rifatta all’opera di J. Gattegno: Lewis Carroll.Une vie, che a mio parere, è una delle opere più ricche e particolareggiate sull’autore di Alice.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

estetica
alice nel paese delle meraviglie
lewis carroll

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi