Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il progetto del ''Delegato Sociale'', una sperimentazione nelle imprese e servizi della Provincia di Reggio Emilia

Il presente lavoro nasce dalla mia partecipazione al corso per Delegati Sociali, promosso nel 2000 da Provincia di Reggio Emilia, Comune di Reggio Emilia, Organizzazioni SIndacali, Centro di Solidarietà e Servizi Tossicodipendenze di Reggio Emilia e le Associazioni Datoriali.
La seguente tesi si articola in quattro macro sezioni e relativi capitoli interni. Partendo dalla situazione della Provincia di RE rispetto all'utilizzo di droghe alcool e tabacco, attraverso la disamina dell'ultima ( in ordine di tempo) ricerca- intervento sull'argomento, la ricerca Lewis, andremo ad osservare le strategie poste in essere per ciò che riguarda principalmente il mondo del lavoro, che si sono concretizzate in un Protocollo d'intesa e nel progetto ''Lavoro e disagio'' (sezione 1).
Da qui ha preso le mosse i corso di formazione che durante il triennio 1999-2001 ha formato circa una trentina di Delegati Sociali; il progetto, gli obiettivi, le metodologie adottate sono illustrate anche grazie al contributo di testimoni significativi (sezione 2).
Per poter cogliere l'importanza della costruzione di nuove strategie e di nuove consapevolezze da parte di tutti coloro che lavorano nel sociale, è perciò fondamentale analizzare l'evoluzione dell'assetto del Welfare State in Italia ed in Europa, del concetto di Community care e per finire del cosiddetto ''approccio di rete'' (sezione 3).
Per concludere si analizza la ricerca azione, sia nei suoi presupposti teorici generali, sia utilizzando la ricerca intervento di Reggio Emilia
(2001-01), attraverso la disamina degli strumenti utilizzati, del ruolo assunto dal Delegato Sociale in questa occasione, nonché commentando i risultati e indicando piste future di azione (sezione).

Mostra/Nascondi contenuto.
9 “Il progetto del “Delegato Sociale”: una sperimentazione nelle imprese e servizi della Provincia di Reggio Emilia nell’ambito di un approccio di rete.” Premessa Il presente lavoro nasce dalla partecipazione dell’autrice al corso per Delegati Sociali, promosso nel 2000 da Provincia di Reggio Emilia, Comune di Reggio Emilia, Organizzazioni Sindacali (da ora OOSS), Centro di Solidarietà (da ora CeIS) e Servizi Tossicodipendenze dell’ASL di Reggio Emilia(da ora Sert) e le Associazioni Datoriali. Questo fatto, unito ad una mia personale attenzione verso i temi e le politiche sociali, nonché al mio background professionale e culturale (per anni operatrice socio assistenziale,ora responsabile del settore formazione di una Cooperativa di Servizi alla persona) mi ha permesso di osservare “dall’interno” lo svolgersi dell’azione formativa, cogliendo però anche “dall’esterno” le dinamiche che si stavano evidenziando fra i partecipanti, i formatori, i Responsabili del progetto, i Coordinatori, le Istituzioni coinvolte, i luoghi di lavoro, le Organizzazioni Sindacali e Datoriali. Tale peculiare situazione mi ha altresì permesso di scendere contemporaneamente nel ruolo del Delegato sociale, dell’osservatrice, della ricercatrice, della studentessa, della lavoratrice. Un intreccio oltremodo stimolante che ha aperto numerose “piste di ricerca” che, devo dire un po’ a fatica, ho cercato di contenere nella necessaria economia di questo scritto. La seguente tesi si articola in 4 macro- sezioni e relativi capitoli interni. Partendo dalla situazione della Provincia di Reggio Emilia rispetto all’utilizzo di droghe, alcool e tabacco, attraverso la disamina dell’ultima (in ordine di tempo) ricerca–

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Annarita Bergianti Contatta »

Composta da 264 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1333 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.