Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Allargamento dell'Unione Europea ai paesi Peco: conseguenze sul settore agricolo

Questa tesi è articolata in quattro capitoli, e riguarda l'allargamento dell'UE ai primi sei candidati PECO: Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovenia, Estonia e Cipro, in particolare si analizza la situazione da un punto di vista agricolo.
1 cap. : ricostruzione delle tappe fondamentali del processo di allargamento.
2 cap. : Analisi dei 6 paesi candidati del gruppo di Lussemburgo sulla situazione sociale economica, agricola e commerciale.
3 cap. : Analisi generale della nuova PAC e dei vari settori agricoli.
4 cap. : Prospettive future, conclusioni e problematiche provocatorie.

Mostra/Nascondi contenuto.
VI PRESENTAZIONE E’ oramai sempre più vicino un ulteriore allargamento dell’Unione Europea ai Paesi dell’Europa Centro Orientale (PECO) che porterà il numero di Stati membri da 15 a 28. Nelle conclusioni del vertice di Berlino (marzo 1999), i capi di Stato e di Governo hanno cercato di rassicurare i paesi candidati all’adesione sul fatto che “l’allargamento resta una priorità storica per l’Unione Europea.” L’impegno dell’UE si basa sulla convinzione che l’allargamento costituisca un’opportunità storica di creare un’Europa più forte, più ampia e più stabile. Si tratterà di un grande successo per i 500 milioni di cittadini di un’Unione che avrà 28 Stati membri. L’allargamento comporterà per gli Stati membri attuali numerosi vantaggi, quali una maggiore influenza dell’Europa nel campo degli affari, una cooperazione più ampia e quindi più efficace di fronte a sfide quali l’inquinamento ambientale e la criminalità organizzata, nonché nuove opportunità per le imprese di trovare sbocchi diversi e di realizzare economie di scala. Per i PECO, d’altro canto, l’adesione significa stabilità democratica e sociale e anche maggiore prosperità. La presente trattazione, articolata in quattro capitoli, concerne l’allargamento dell’Unione Europea ai primi sei paesi candidati ossia: Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Estonia, Slovenia e Cipro, in particolare si analizza la situazione da un punto di vista agricolo. Questo lavoro cerca di analizzare i mutamenti che questo passo storico, che l’Europa si appresta a compiere, comporterà. Nel primo capitolo, vengono ricostruite le tappe fondamentali del processo di allargamento, dal Consiglio europeo di Copenaghen del 1993, che costituisce la genesi del progetto, in avanti.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimo Saggia Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5919 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.