Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La commissione di garanzia nella vecchia e nella nuova disciplina della legge sullo sciopero dei servizi pubblici essenziali

La tesi tratta le innovazioni del ruolo della Commissione di garanzia dovute alla novella del 2000 (legge 83), soffermandosi, nel primo capitolo, sulla disciplina previgente alla legge 146/1990.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 LA DISCIPLINA PREVIGENTE ALLA LEGGE N° 146 DEL 1990 1.1 LA GIURISPRUDENZA COSTITUZIONALE Tra l’entrata in vigore della Costituzione repubblicana e l’approvazione della legge 146/1990 vi sono stati circa 40 anni in cui il nostro ordinamento si è trovato in una condizione di vuoto normati- vo nell’importante materia dello sciopero, che la Carta Costituzionale con l’art. 40, collocato nel Titolo III sui rapporti economici, sancisce come diritto costituzionalmente garantito. E proprio la collocazione di questo diritto insieme ad altri di rango costituzionale fa sorgere dei problemi giuridici degni di nota, perché sovente avviene che tale dirit- to di sciopero venga a scontrarsi con altri diritti di pari rango, e pro- prio per questo la Costituzione aveva delegato al Legislatore ordinario l’emanazione di leggi che regolassero questo settore. Dobbiamo quindi innanzitutto chiederci quale fu l’atteggiamento del nostro ordinamento prima che fosse attuato il disposto costituzio- nale con l’approvazione della legge 12 giugno 1990 n. 146. Bisogna in qualche modo partire facendo riferimento al nostro at- tuale codice penale, un codice del 1930, studiato ed approvato in pie- no periodo fascista 1 , quindi in un ordinamento con caratteristiche qua- si diametralmente opposte a quelle del nostro, in particolar modo pro- 1 Mussolini, in un discorso tenuto alla Camera l’11 dicembre 1925 disse: “Lo Stato è uno, è una monade inscindibile, lo Stato è una cittadella nella quale non vi possono essere antitesi né d’individui né di gruppi. Lo Stato controlla tutte le organizzazioni al di fuori, ma non può essere controllato al di dentro. Se no andremmo incontro […] alla decadenza nazionale.” Atti parlamen- tari Camera dei Deputati, Legislatura XXVII, Discussioni, Tornata dell’11 dicembre 1925, vol. V, 4970.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Battista Panzano Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3887 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.