Skip to content

Il mondo arabo nel pensiero e nell'azione di Lawrence d'Arabia

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Cesa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Marco Brazzale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

In questo studio appare rilevante la figura dell’uomo che condusse la rivolta araba: Lawrence d’Arabia. Fin dalla giovinezza egli fu attratto da un’inesorabile spinta verso l’Oriente, visto in un sogno; un Oriente che, attraverso i suoi studi e le sue passioni predominanti, riuscì a raggiungere già a ventun’anni. Sin dai suoi primi viaggi in Siria egli amò quel mondo. Si spinse cosi in un’avventura che avrebbe segnato per sempre la sua vita e che lo avrebbe consegnato alla storia: la rivolta araba contro l’Impero ottomano. Nel contesto storico della prima guerra mondiale la rivolta si sviluppa grazie alla capacità diplomatica e alle strategie militari del col. Lawrence. All’indomani della rivolta a difesa della libertà di quel popolo che aveva cominciato ad amare scrisse i Sette Pilastri della Saggezza, il diario di guerra che muove dal 1916, anno in cui Lawrece venne inviato dal governo britannico in missione nell’Higiaz, e arriva al 1918, anno dell’entrata a Damasco. Attraverso l’analisi del suo percorso spirituale ricaviamo spunti cognitivi per viaggiatori di ogni tempo; spunti di vita quotidiana di un inglese che visse come “un arabo tra gli Arabi in Arabia”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
II PREMESSA Nell’estate del 1914 lo scoppio della prima guerra mondiale portava in collisione nel Vicino Oriente i già contrapposti interessi ottomani e inglesi. Un settore, quello del Vicino Oriente, solo in apparenza di secondo piano rispetto al fronte europeo: le cose in realtà non stavano così e il governo di Londra lo sapeva bene. L’Impero Ottomano, infatti, controllava ancora lo stretto del Bosforo affacciandosi inoltre pericolosamente sul Mar Rosso, ponendo la concreta candidatura al controllo di Suez e bloccando l’accesso al Mar Nero. La strategica importanza degli stretti si rivelò anche ai più scettici già nel 1915, con il fallito colpo di mano anglo-francese su Gallipoli, mentre sul fronte egiziano i Turchi scagliavano un attacco in grande stile su Suez. Come cent’anni prima Napoleone, così ora i Turchi intendevano interrompere il traffico marittimo, anche in previsione dell’entrata in guerra dell’Italia, incerta ma ormai più francofila che amica delle potenze centrali. Fallito l’attacco ottomano grazie alla superiorità navale britannica, la guerra entrava in una fase di stallo oltremodo disastrosa per l’Inghilterra, costretta a disperdere le proprie forze su di un immenso arco, dalle Fiandre alla Mesopotamia. L’Impero Ottomano, grande malato attorno al cui capezzale da oltre cent’anni si accapigliavano le potenze europee, appare, all’inizio del XX secolo, una potenza in parziale ripresa e dal 1908 il paese è oggetto di una radicale politica di riforme istituzionali mirate alla rapida modernizzazione amministrativa e tecnologica del vecchio impero: perdute nel 1878 Bosnia e Bulgaria, nel 1908 Albania, Macedonia e Tracia occidentale e nel 1911 la Libia, la Turchia, praticamente estromessa dalla regione balcanica e dal Maghreb, cercava ora di rafforzare il proprio controllo nel Vicino Oriente, ultima grande regione, oltre all’Anatolia, restata sotto il controllo di Istanbul. La politica inaugurata nel 1908 produsse, se non altro, un miglioramento dell’efficienza e della dotazione bellica dell’esercito imperiale. Per conseguire il proprio obiettivo Istanbul fu spinta inesorabilmente verso la sfera dell’influenza germanica: Guglielmo II veniva così ad insidiare il controllo del petrolio mesopotamico, già nelle mire britanniche, e la Turchia come controparte otteneva l’invio di ufficiali e tecnici militari tedeschi nonché prezioso materiale bellico. L’allineamento turco al fianco delle potenze centrali non era certo casuale: il controllo di Suez e del Golfo Persico ponevano Istanbul e Londra in una posizione di contrasto insanabile e l’avvicinamento del sultano ottomano Muhammad Rashad a Berlino ne era l’inevitabile esito. Tuttavia la posizione turca nel Vicino Oriente nascondeva già sotto una parvenza di forza i germi della disgregazione: il Crescente Fertile era in effetti un magmatico coacervo di popoli, razze e religioni sempre più in fermento mentre nella penisola arabica il malcontento delle tribù beduine e l’insofferenza verso il dominio ottomano crescevano sempre di più. A differenza del Vicino Oriente la penisola araba era però etnicamente omogenea e proprio nell’Higiaz, culla

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arabia
beduini
higiaz
islam
rivolta araba
turismo
medio oriente
prima guerra mondiale
impero ottomano
i sette pilastri della saggezza
lawrence d'arabia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi