Skip to content

Un modello di sviluppo socio-economico per Torino. Una città in forte cambiamento

Informazioni tesi

  Autore: William Malizia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giuseppe Tardivo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 330

il 19 giugno del 1999 è iniziata l’avventura dei XX Giochi Olimpici Invernali che si svolgeranno nel capoluogo piemontese fra poco meno di cinque anni: nel 2006.
Parere unanime è che questo evento possa rappresentare una grande opportunità di sviluppo per un’area, quella piemontese, che negli ultimi anni ha perso il ruolo di locomotiva economico-industriale del Paese e che solo ultimamente inizia a dare cenni di ripresa.
Il ridimensionamento dell’industria meccanica-automobilistica e del suo indotto, in termini occupazionali e di fiducia nel futuro da parte dei piemontesi e l’inserimento della nostra regione fra le zone industriali in crisi bisognose dei sussidi dell’Unione Europea possono diventare un ricordo, se tale evento verrà percepito dalla popolazione e soprattutto dalla classe dirigente come un poderoso shock, in grado di accelerare la riconversione dell’economia regionale e di cogliere le opportunità che si apriranno nei settori del turismo, dei servizi, dei prodotti tipici. Negli ultimi anni del secolo si è delineata un’evoluzione della concorrenza: non più fra imprese singole ma fra sistemi economici e territoriali. Proprio questo fenomeno sta alla base del declino delle realtà con forte concentrazione manifatturiera come quelli di Torino, Barcellona, Lione,
Glasgow e altri.La nuova forma di vantaggio competitivo è la capacità di accesso, utilizzo e sviluppo della conoscenza.
Proprio questi fattori sono alla base del processo di globalizzazione dell’economia e dei mercati.
Tale processo si traduce in un progressivo annullamento delle distanze e nel conseguente avvicinamento delle aree geografiche di tutto il mondo. Le nuove reti globali di comunicazione consentono di focalizzarsi sulle migliori condizioni offerte da un territorio in un dato momento, riducendo notevolmente i vincoli geografici.
I mutamenti nei servizi, nelle comunicazioni, nei trasporti, nei sistemi informativi e la grande rivoluzione di internet facilitano la crescente mobilità dei beni, dei servizi, delle persone, delle tecnologie e dei capitali attraverso i confini territoriali consentendo così alle imprese di spostarsi con grande velocità da un’area ad un’altra del mondo alla ricerca sia di costi più bassi che di risorse più qualificate.
Tale annullamento ha intensificato i processi competitivi tra i territori per l’ottenimento delle migliori risorse e per attrarre all’interno del proprio territorio insediamenti produttivi, imprese di servizi, visitatori d’affari, turisti ecc.
È in questo scenario che Torino deve competere e rinnovarsi, trovando al suo interno la volontà e le risorse per rendere possibile un processo di ammodernamento della propria struttura socio-economica.
Questo processo si sviluppa attraverso l’adeguamento della dotazione infrastrutturale agli standard delle città europee più avanzate, attraverso la riqualificazione delle aree degradate e il miglioramento degli arredi urbani, attraverso una presenza più forte e autorevole sullo scenario internazionale, diffondendo e rafforzando una nuova immagine della città, che fino ad ora è sempre rimasta nascosta agli occhi del grande pubblico. È un progetto che darà i suoi frutti in un’ottica di medio/lungo periodo, ma che è necessario avviare per recuperare il gap che separa Torino dalle altre capitali economiche, turistiche e culturali d’Europa.
In questo lavoro, vengono esaminati i modelli di sviluppo di città (Barcellona, Lione, Glasgow, Stoccolma, Detroit e altre ancora), che partendo da situazioni di declino industriale, hanno puntato su pianificazione strategica, comunicazione e promozione per creare un nuovo progetto di sviluppo futuro, in linea con i cambiamenti avvenuti nell'ambiente esterno.Il primo passo nella direzione di un cambiamento profondo della città è stato fatto con la nascita dell’Associazione Torino Internazionale, che si è impegnata nella redazione del Piano Strategico (il primo in Italia), formalizzando le direttrici che si intendono seguire per lo sviluppo della città, disegnando una visione della Torino del futuro, condivisa e con la partecipazione dei cittadini.
Il confronto continuo con altre realtà europee, ha permesso alla città di pianificare un progetto di sviluppo organico e differenziato, cercando di carpire il meglio dalle altre esperienze di successo.
Purtroppo Torino è rimasta un po' indietro, anche se le Olimpiadi del 2006 possono rappresentare un punto di svolta importante per costruire la città del futuro. A tal fine vengono esaminati tutti gli organismi e le associazioni preposte al rinnovamento, alla promozione e alla pianificazione della nuova Torino.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE “City winner is…TORINO”. Con queste parole pronunciate dal presidente del CIO Juan Antonio Samaranch il 19 giugno del 1999 è iniziata l’avventura dei XX Giochi Olimpici Invernali che si svolgeranno nel capoluogo piemontese fra poco meno di cinque anni: nel 2006. Parere unanime è che questo evento possa rappresentare una grande opportunità di sviluppo per un’area, quella piemontese, che negli ultimi anni ha perso il ruolo di locomotiva economico-industriale del Paese e che solo ultimamente inizia a dare cenni di ripresa. Il ridimensionamento dell’industria meccanica-automobilistica e del suo indotto, in termini occupazionali e di fiducia nel futuro da parte dei piemontesi e l’inserimento della nostra regione fra le zone industriali in crisi bisognose dei sussidi dell’Unione Europea possono diventare un ricordo, se tale evento verrà percepito dalla popolazione e soprattutto dalla classe dirigente come un poderoso shock, in grado di accelerare la riconversione dell’economia regionale e di cogliere le opportunità che si apriranno nei settori del turismo, dei servizi, dei prodotti tipici, restituendo al Piemonte e soprattutto a Torino la sua immagine. Un’immagine forse unica in Italia, quella di una città e di una regione in grado di coniugare la sua tradizionale "severità sabauda” con l’eccellenza nel campo dell’industria, dell’innovazione, della New Economy,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi