Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo di gestione negli enti pubblici istituzionali: il caso dell'Inpdap

La tesi è un'applicazione del sistema di controllo gestione in un ente pubblico utilizzando un software integrato di tipo avanzato.

Mostra/Nascondi contenuto.
2. INTRODUZIONE Nel corso degli anni ‘90 si è prodotta in Italia una articolata sperimentazione di tecniche e metodi per il controllo di gestione in ambito pubblico, spesso incentrata sull’analisi economica dei rendimenti, sulla contabilità analitica, sulla misurazione dei costi delle attività e dei servizi pubblici. Queste esperienze si sono concentrate sul comparto degli enti locali e su quello degli enti pubblici non economici, mentre minore è stata l’attenzione dedicata a questi temi dalle amministrazioni statali, in ciò favorite dal tradizionale impianto dei controlli esterni sulla legittimità degli atti. Ma di recente alcuni provvedimenti (il d.l.vo 77/95 per gli enti locali, comuni e province, il d.l.vo 286/99, oltre al primo di questa serie, il d.l.vo 29/93 e successive modificazioni) hanno riproposto il tema dei controlli sui costi e i rendimenti in tutte le amministrazioni pubbliche. Il rinnovamento introdotto da questi provvedimenti è notevole: si passa, infatti, dalla tradizionale contabilità finanziaria pubblica (imperniata sui concetti di impegno e accertamento, per cassa e competenza) di Cavourriana memoria a concetti di contabilità economico – patrimoniale, fino al concetto di costo del prodotto. Il controllo di gestione è, appunto, uno di questi innovativi strumenti, essendo basato su criteri deputati a fornire agli organi decisionali gli strumenti idonei a seguire le varie fasi per il raggiungimento degli obiettivi prefissati: esso necessita, pertanto, di obiettivi definiti, di una programmazione per il raggiungimento degli stessi e di parametri quali/quantitativi che ne misurino lo stato di avanzamento. L’utilità del sistema in oggetto è data sia dalla possibilità di controllare lo scostamento tra gli obiettivi prefissati e i risultati ottenuti sia dalla possibilità di variare programmi e obiettivi. L’adozione di un efficace sistema di controllo di gestione richiede un sistema informativo aziendale in cui i dati vengano trattati in maniera integrata.

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giancarlo Fichera Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6284 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.