Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo di gestione negli istituti di credito

Tutto fa ritenere che la banca italiana sia oggi di fronte a una sfida resa ormai ineludibile dal tramonto della banca-istituzione e dall'avvento della ''banca-impresa'', la sfida posta dalla necessità di adottare e applicare in tempi brevi i principi, i comportamenti e le tecniche di management propri delle imprese che operano in mercati dominati dalla concorrenza. In effetti la sfida che le banche si trovano a dovere controllare deriva da alcuni mutamenti radicali nel sistema di mercato nel quale ha sempre operato; mutamenti fra i quali si possono annoverare:
* Cambiamenti nell'atteggiamento della clientela;
* Securtizzazione e disintermediazione delle masse finanziarie
* Globalizzazione dei mercati finanziari
* Innovazione dei prodotti finanziari
* Dinamica e tendenze della normativa
In questo quadro evolutivo il problema centrale per la banca è quello di realizzare la transizione verso il nuovo nel modo più efficace possibile. Il corrispondente processo di innovazione si può sintetizzare nei seguenti punti fondamentali:

Sviluppo di un orientamento al cliente. Come in ogni mercato caratterizzato da forte competitività, il successo di un'impresa dipende dal grado in cui le esigenze della clientela obiettivo vengono soddisfatte più e meglio dei concorrenti.

1. Integrazione delle tre culture della banca - Nelle banche e nelle varie istituzioni finanziarie operano tre distinte culture: la ''cultura tradizionale'', propria dell'attività bancaria e sviluppatasi attraverso l'evoluzione della medesima; la ''cultura informatica'', formatasi negli ultimi due decenni a seguito dell'avvento delle tecnologie dell'informazione; ed infine, la ''cultura del mercato'', connessa all'introduzione e all'utilizzo delle competenze necessarie a gestire un'impresa in un mercato competitivo.

2. Modifica delle strutture organizzative - Le strutture organizzative prevalentemente adottate dalla banca-istituzione erano concepite per durare nel tempo, in situazioni caratterizzate dalla stabilità e dalla standardizzazione di gran parte delle operazioni. La configurazione organizzativa corrispondente ad una consimile struttura è costituita da una burocrazia centralizzata, da procedure formali, dalla specializzazione delle funzioni, da un notevole numero di livelli gerarchici, da un rigido esercizio del controllo. Occorre quindi avviare una riforma delle strutture organizzative orientata a favorire l'innovazione e la capacità competitiva.

3. Misurazione della performance - Ogni sforzo di miglioramento dell'attività aziendale si manifesterà privo di effetto in carenza di un sistema di misurazione sia delle risorse impiegate che dei risultati conseguiti.

Il controllo di gestione è uno strumento di ausilio nel raggiungimento di tale obiettivo; esso infatti permette di considerare le principali variabili la cui conoscenza è di fondamentale importanza ai fini dell'attività decisionale propria della banca. Lo scopo che si intende conseguire è quello di gestire l'azienda di credito con maggiore consapevolezza e razionalità. Si analizzeranno gli aspetti fondamentali del controllo di gestione ed i principali problemi aperti dalla sua pratica applicazione alle aziende di credito.

Mostra/Nascondi contenuto.
ABSTRACT Tutto fa ritenere che la banca italiana sia oggi di fronte a una sfida resa ormai ineludibile dal tramonto della banca- istituzione e dall'avvento della "banca-impresa", la sfida posta dalla necessità di adottare e applicare in tempi brevi i principi, i comportamenti e le tecniche di management propri delle imprese che operano in mercati dominati dalla concorrenza. In effetti la sfida che le banche si trovano a dovere controllare deriva da alcuni mutamenti radicali nel sistema di mercato nel quale ha sempre operato; mutamenti fra i quali si possono annoverare: • Cambiamenti nell'atteggiamento della clientela; • Securtizzazione e disintermediazione delle masse finanziarie • Globalizzazione dei mercati finanziari • Innovazione dei prodotti finanziari • Dinamica e tendenze della normativa In questo quadro evolutivo il problema centrale per la banca è quello di realizzare la transizione verso il nuovo nel modo più efficace possibile. Il corrispondente processo di innovazione si può sintetizzare nei seguenti punti fondamentali: Sviluppo di un orientamento al cliente. Come in ogni mercato caratterizzato da forte competitività, il successo di un'impresa dipende dal grado in cui le esigenze della clientela obiettivo vengono soddisfatte più e meglio dei concorrenti. 1. Integrazione delle tre culture della banca - Nelle banche e nelle varie istituzioni finanziarie operano tre distinte culture: la "cultura tradizionale", propria dell'attività bancaria e sviluppatasi attraverso l'evoluzione della medesima; la "cultura informatica", formatasi negli ultimi

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianluca Banfi Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 68 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.