Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie di adattamento delle imprese locali di produzione tipica in relazione ai comportamenti di consumo

Il sistema agroalimentare nazionale si trova inserito in un contesto che è caratterizzato, da un lato, da una crescente e diffusa globalizzazione dei modelli di consumi e crescente unificazione del mercato, dall'altro, da un sistema che premia le specificità, una forte segmentazione del mercato, espressione di preferenze più complesse, ricercate, personali, derivanti dalla conservazione delle diversità culturali.
La domanda è caratterizzata da una nuova tipologia di consumatore, più attento agli aspetti salutari, qualitativi, determinando così nuove sfide per le imprese. Forte è nel consumatore l'interesse per le produzioni tipiche, il quale le preferisce non solo e non tanto per il loro valore nutrizionale, ma soprattutto per il valore culturale che esse trasmettono, le tradizioni, la cultura. Alla luce di questi nuovi scenari, si cercherà di individuare attraverso un'indagine empirica quali siano le possibili linee strategiche delle imprese locali di produzione tipica. Non esiste a priori un modello di sviluppo efficace e efficiente ma sussiste una combinazione di fattori fondamentali per la valorizzazione delle produzioni tipiche. I comportamenti strategici son dunque differenti a seconda dei vari livelli, gradi di tipicità e del diverso posizionamento delle imprese all'interno della mappa che si è creata. Ma fondamentale è che ci siano delle linee guida a supporto del sistema "tipicità" quali una maggiore attenzione al consumatore, partecipazione istituzionale più incisiva, nonché una maggiore presenza del Consorzio di tutela, il cui fine non è solo di tutela del marchio collettivo ma anche quello di creare una certa atmosfera relazionale che interagisca con il mercato. Possiamo ipotizzare un percorso di affermazione del mercato dei prodotti tipici in cui rilevante diventa la definizione di politiche di marketing sopratutto territoriale. Infine possiamo considerare il prodotto tipico come un volano, una risorsa strategica per l'economia locale che in alcune aree marginali e senza alternativa di sviluppo reddituale ed occupazionale, ricopra una funzione difficilmente "sostituibile."

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il sistema agroalimentare nazionale si trova inserito in un contesto che � caratterizzato da un lato, da una crescente e diffusa globalizzazione dei modelli di consumi e crescente unificazione dei mercati, dall�altro da un sistema che premia le specificit�, una forte segmentazione del mercato, espressione di preferenze pi� complesse, ricercate, personali, derivanti dalla conservazione delle diversit� culturali. In questo contesto � possibile individuare delle opportunit� sia per quelle realt� pi� dinamiche e competitive che per quelle orientate alla valorizzazione delle proprie risorse naturali e ambientali. Fondamentale � analizzare l�andamento dei mercati nell�ottica �globale�, cio� in una visione d�insieme che abbracci l�intero mercato globale, in cui grazie ai progressi informatici sar� sempre pi� rapido ed efficiente lo spostamento dei prodotti e dei mezzi. Le strategie vanno definite in una visione globale per poi vendere locale. Sulla scorta di queste considerazioni, la presente tesi si propone l�obiettivo di analizzare quali siano le strategie, i problemi che le PMI devono affrontare alla luce di questi nuovi scenari, focalizzando particolarmente l�attenzione sulle azioni delle PMI di produzione tipica.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria Tamburro Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2549 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.