Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Bilancia estensimetrica sull'ala anteriore di una vettura di Formula 3

Scopo della tesi è la realizzazione di un sistema di rilevazione, in tempo reale, del carico aerodinamico agente sull’ala anteriore della “Dallara F301”, vettura da competizione, realizzata dalla “Dallara Automobili” per i vari campionati (nazionali ed internazionali) di Formula 3. La tesi si compone, essenzialmente, di tre parti: un’analisi ad elementi finiti dei supporti con cui l’ala è fissata al musetto della vettura; l’applicazione di due sonde estensimetriche in opportune zone del supporto e la determinazione delle rispettive curve di taratura; il completamento del sistema mediante il cablaggio con la centralina telemetrica di bordo, corroborato da una nutrita serie di prove di laboratorio. L’intero sistema è stato, infine, collaudato nel corso di una gara valevole per il Campionato Italiano 2001 di Formula 3.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nel gennaio del 1993, la Federazione Internazionale dell’Automobilismo ha formalmente proibito l’uso di servomeccanismi a bordo delle vetture che concorrono per i campionati di Formula 1, Formula 3 e Formula 3000. Questo ha reso impossibile modificare, ad esempio, l’assetto della macchina durante la gara, con la monoposto in corsa: è necessario fermarsi ai box per effettuare i dovuti interventi. Pertanto, a partire dal 1993, è diventato importantissimo per i team rilevare quanti più dati possibili per crearsi un database, che consenta di mantenere il livello più alto di affidabilità ed efficienza della monoposto, in modo da “architettare” a tavolino la gara a priori. A quest’esigenza, vitale per tecnici e team manager ai fini di pianificare (ed eventualmente cambiare) le strategie di gara, rispondono oggi la telemetria e l’acquisizione dati. Grazie all’impiego di sensori, per lo più di derivazione militare, è possibile rilevare una gran varietà d’informazioni relative, ad esempio, alla temperatura, alla pressione, al numero di giri e persino alle eventuali deformazioni di geometria della vettura. Paradossalmente però, uno dei parametri più influenti sulle prestazioni della monoposto, cioè il carico aerodinamico agente sulle superfici deportanti (i due alettoni, anteriore e posteriore) non è attualmente rilevato, in maniera diretta, neppure nei più sofisticati sistemi telemetrici normalmente impiegati in Formula 1. Tali dati, infatti, vengono “estrapolati” e dedotti, mediante la misurazione di altri parametri (quali, ad esempio, l’affondamento delle sospensioni e la velocità istantanea della vettura),

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Paolo Cupola Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1527 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.