Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzo di previsioni meteorologiche a mesoscala: il modello Lambo sul bacino dell’Adda

Nel presente studio si è valutato l’utilizzo di un modello meteorologico come strumento di previsione della precipitazione da accoppiare a modelli idrologici e di frana.

L’affinamento dei sistemi di allarme in situazioni di rischio idrologico ed idrogeologico presuppone la conoscenza di informazione sulla pioggia futura. In questa tesi è stata analizzata la possibilità di utilizzare le previsioni di pioggia di un modello meteorologico a mesoscala, il LAMBO, in due applicazioni: la previsione della portata del fiume Adda a Fuentes (appena prima dell’ingresso al lago di Como) e la previsione del superamento di una condizione critica di precipitazione oltre la quale è possibile che si verifichino colate detritiche. Sono stati considerati tre eventi meteorologici significativi occorsi negli ultimi anni in Valtellina e nelle aree circostanti. Uno di essi (giugno 1997) ha avuto conseguenze in termini di dissesti e ha determinato l’esondazione del Lago di Como.

Questo lavoro si è occupato di quantificare il grado di bontà delle previsioni di pioggia del LAMBO, un modello meteorologico a mesoscala operativo presso il Servizio Meteorologico Regionale della Regione Emilia Romagna), direttamente (Capitolo 3), e indirettamente (Capitoli 4 e 5) verificandone l’uso nelle due applicazioni sopra ricordate.

Mostra/Nascondi contenuto.
Utilizzo di previsioni meteorologiche a mesoscala: il modello LAMBO sul bacino dell’Adda 1 INTRODUZIONE Il presente studio si propone di valutare l’utilizzo di modelli meteorologici ad area limitata come strumento di previsione della precipitazione da accoppiare a modelli idrologici e di frana. Ogni anno gli eventi meteorologici estremi sono responsabili di decine di migliaia di vittime in tutto il mondo e di danni ingentissimi. Le cifre riportate in figura 1 e 2 [Abramovitz et al. (1998), Todini (1998)] testimoniano le dimensioni imponenti di questo fenomeno. Nonostante la stima e la monetizzazione dei danni causati da catastrofi naturali sia sempre molto incerta, va rimarcato l’andamento relativo all’ultimo trentennio. Si nota, infatti, un significativo trend di crescita che, secondo studi recenti [Van der Vink et Al. (1998), Rosso (1994), Maione (1995)], si può correlare a un’urbanizzazione crescente e una pianificazione inadeguata del territorio, allo sviluppo delle economie nazionali (incremento del valore dei beni mobili ed immobili), e ai cambiamenti climatici. In Italia negli ultimi 80 anni ci sono state 5.400 alluvioni e 11.000 frane, e si sono avuti, secondo le stime della Protezione Civile, 30.000 miliardi di lire di danni negli ultimi 20 anni. Diversi studi [MAP (1996)] hanno evidenziato come la maggior parte, se non la totalità delle calamità naturali nella regione Alpina sia conseguenza di eventi meteorologici 0 20 40 60 80 100 120 140 1981-82 1983-84 1985-86 1987-88 1989-90 1991-92 1993-94 1995-96 1997-98 0 50 100 150 200 1965-1969 1970-1974 1975-1979 1980-1984 1985-1989 1990-1992 Figura 1 Danni economici nel mondo dovuti ad eventi meteorologici estremi, in miliardi di Euro [Abramovitz et al. (1998)] Figura 2 Morti causate da alluvioni nel mondo, in migliaia [Todini (1998)].

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marcello Balasini Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1275 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.