Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le origini del primo shock petrolifero

Oggetto di questo studio sarà il ruolo della risorsa del petrolio nelle relazioni internazionali in riferimento al periodo che va dalla fine della guerra dei “sei giorni”, nel 1967, alla vigilia della guerra dello Yom Kippur, nell’ottobre 1973. L’intento primario sarà dimostrare che il quarto conflitto arabo-israeliano e il conseguente embargo arabo sulle esportazioni petrolifere furono le estreme conseguenze di una concatenazione di eventi che si collocano temporalmente a cavallo tra la fine degli anni ‘60 e i primi anni ‘70.
Il lavoro si articolerà in tre parti.
La prima parte ha un carattere introduttivo e si pone il fine di illustrare le premesse che portarono al mutamento progressivo del mercato petrolifero. Tra queste spicca la fine dell’era della sovrapproduzione petrolifera che aveva caratterizzato i decenni precedenti a quello preso in esame. Segue un excursus sulla situazione politica presente nei paesi produttori prima della crisi, alla fine degli anni ‘60. Uno sguardo particolarmente attento sarà rivolto alla Libia, il primo paese a essersi ribellato allo status quo.
La seconda parte intende analizzare il modus operandi attraverso il quale i paesi produttori riuscirono a imporsi nel recupero del diritto sulla risorsa naturale in questione. L’assunzione del controllo sui prezzi e la partecipazione alla proprietà delle concessioni petrolifere sono il punto di partenza di questo processo; le incertezze e gli errori della politica estera americana, nonchè il comportamento delle multinazionali, il punto di arrivo; la crisi dei mercati valutari il background.
La terza e ultima parte prenderà in esame gli avvenimenti che si verificarono nel corso del 1973, e, più esattamente, prima dell’ottobre dello stesso anno, data in cui si collocano lo scoppio della quarta guerra arabo-israeliana (6 ottobre 1973) e l’inizio dell’embargo arabo sulle esportazioni di petrolio verso i paesi che stavano appoggiando Israele (21 ottobre 1973).

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Oggetto di questo studio sarà il ruolo della risorsa del petrolio nelle relazioni internazionali in riferimento al periodo che va dalla fine della guerra dei “sei giorni”, nel 1967, alla vigilia della guerra dello Yom Kippur, nell’ottobre 1973. L’intento primario sarà dimostrare che il quarto conflitto arabo-israeliano e il conseguente embargo arabo sulle esportazioni petrolifere furono le estreme conseguenze di una concatenazione di eventi che si collocano temporalmente a cavallo tra la fine degli anni ‘60 e i primi anni ‘70. Il lavoro si articolerà in tre parti. La prima parte ha un carattere introduttivo e si pone il fine di illustrare le premesse che portarono al mutamento progressivo del mercato petrolifero. Tra queste spicca la fine dell’era della sovrapproduzione petrolifera che aveva caratterizzato i decenni precedenti a quello preso in esame. Segue un excursus sulla situazione politica presente nei paesi produttori prima della crisi, alla fine degli anni ‘60. Uno sguardo particolarmente attento sarà rivolto alla Libia, il primo paese a essersi ribellato allo status quo. Con la nascita dell’OPEC 1 (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio) nel 1960, i governi dei paesi produttori crearono la sede per la cooperazione e per la formulazione di linee politiche da perseguire in materia petrolifera. Sebbene i membri dell’organizzazione avessero un obiettivo comune - aumentare gli introiti - esistevano tra gli stessi considerevoli rivalità che non permisero all’OPEC di ottenere i risultati sperati, almeno durante il primo decennio della sua esistenza. Fu soprattutto l’emergere di gruppi radicali in Iraq, Algeria e Libia a creare un attrito che determinò lo sconvolgimento dell’ordine petrolifero tenuto in piedi dalle grandi multinazionali. Come mostrano le tabelle seguenti, i livelli di produzione dei paesi membri dell’OPEC erano tali da permettere ai principali esportatori di petrolio di imporre le loro ragioni, in questo 1 L’OPEC nacque nell’agosto 1960, in seguito a tagli sui prezzi da parte della ESSO. I membri fondatori furono: Arabia Saudita, Iran, Iraq, Kuwait, Venezuela. In seguito entrarono a farvi parte: Qatar (1961), Indonesia e Libia (1962), Abu Dhabi (1967), Algeria (1969), Nigeria (1971), Ecuador e Gabon (1973), Emirati Arabi Uniti (1974).

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cecilia Moretti Micheli Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11902 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.