Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il tema del ''non giudicare'' nei Vangeli Sinottici

L’argomento è stato studiato secondo la prospettiva delle scienze bibliche moderne con attenzione particolare al metodo storico-critico (I capitolo), all’analisi sincronica (II capitolo) ed entrando infine nell’esegesi dei testi (Mt 7, 1-5 ║ Lc 6, 37s. 41s. ║Mc 4, 24s). Si è cioè tracciata un’ampia storia della tradizione e della redazione dei testi in esame, nel tentativo di capire come essi storicamente si siano costituiti in base alle fonti ed al contributo teologico-letterario delle comunità primitive e dei redattori finali (tradizionalmente identificati con gli evangelisti medesimi). Quindi, considerando ormai il textus receptus, abbiamo situato i passi nel loro contesto generale (ogni singolo vangelo), nel contesto allargato (i discorsi della Montagna e della Pianura e la sezione delle Parabole) ed infine in quello immediato dei vv. immediatamente precedenti o seguenti. Questo allo scopo di ricavare informazioni fondate sullo sviluppo delle opere che li contengono in vista dell’interpretazione. La parte più strettamente filologica è costituita dalla critica testuale e dall’analisi morfo-sintattica. Per un’inquadratura storico-concettuale si è tracciata una sintesi dei significati e delle utilizzazioni del tema fondamentale (il non giudicare appunto) negli ambiti giudaico e greco-romano. Quello protocristiano era stato presentato nell’introduzione. Per un raffronto letterario sono stati forniti alcuni testi di quelle tradizioni in quanto probabili fonti e paralleli dei nostri.

Il lavoro è stato compiuto sulle edizioni critiche del NT greco ed ebraico e sulla letteratura esegetica specialistica o manualistica. Anche per quanto riguarda i riferimenti paralleli ad altre tradizioni culturali si è fermamente cercato, ov’era possibile, di utilizzare i testi critici originali (dovendo talvolta spendere molto tempo per citazioni poco chiare quando non sbagliate). Per quanto al I capitolo abbiamo cercato di ricondurre (ogni qual volta fosse possibile) le analisi allo schema: redazione – tradizione – gesuanità in modo da aiutare la comprensione all’interno di analisi dispersive. Rispetto alla storicità del materiale sinottico si è posta particolare attenzione all’adozione della criteriologia storica elaborata in ambito esegetico e teologico. Gli autori sono stati raggruppati in base al genere dei contributi ed all’interno dello stesso, per cronologia ascendente. Nel II capitolo ci si è limitati a contributi classici o particolarmente stimolanti che raccogliessero le posizioni più diffuse e solide per non ampliare il lavoro a dismisura e senza significativi guadagni. In diversi casi si è scelto di trattare i testi secondo una suddivisione tradizionale quasi sotto forma di proverbi: non giudicare, la trave e la pagliuzza, misura per misura (abbiamo voluto cioè trattare assieme i testi sinottici che sono tradizionalmente considerati uniti). Si è voluto così evitare analisi puntuali lunghissime e non pertinenti al curriculum accademico.Per le riflessioni conclusive attualizzanti sono invece stati avvicinati autori eterogenei: Sequeri, Bonhoeffer...


Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione 1.0 Presentazione dell’argomento, ragioni del lavoro, questioni di metodo, ringraziamenti. Il tema del non-giudicare ha riscosso una fortuna considerevole in ogni latitudine, documentabile dalle numerose testimonianze scritte e dalle tradizioni orali a noi pervenute e presenti dall�antichit� in civilt� tra loro assai distanti in ambito sia occidentale sia orientale 1 . La rilevanza etica che la questione assume in ordine alla qualit� delle relazioni primarie sia civili sia ecclesiali ed in ultima analisi di quelle fra culture non � trascurabile. Se sia o meno possibile non formulare giudizi o quantomeno di quale tipo e consistenza nei confronti altrui; a quali condizioni il giudizio interpersonale, su terzi o generale possa essere fecondo e moltissimi altri risvolti della categoria giudizio sono stati ampiamente studiati dalla filosofia in tutte le sue specializzazioni principali (sia analitiche sia continentali per riprendere i termini del dibattito classico), dalla psicologia sperimentale e clinica e dalle scienze sociali. La prospettiva che qui scegliamo di indagare � invece quella biblica ed in particolare quella dei Vangeli sinottici, rappresentando il momento fondante ed originario dell�oggetto di studio della materia per cos� dire intestataria di questo lavoro: Storia del Cristianesimo appunto. Nel panorama soltanto accennato sopra spicca senz�altro il detto (in greco e nella letteratura esegetica lo&gion / plurale lo&gia) di Ges�: Non giudicate. Chiunque sia cresciuto in ambienti influenzati significativamente dal cristianesimo pu� facilmente constatare come quello sia uno dei lo&gia pi� citati (a proposito ed a sproposito, vedremo perch�) e pi� tenacemente impressi nella memoria collettiva. La rilevanza civile ed ecclesiale cui sopra si accennava va aumentando inesorabilmente, accresciuta da una complessit� sociale inedita dovuta all�implosione di paradigmi secolari che regolavano i rapporti primari ed esplosa di fronte ai movimenti di globalizzazione delle finanze e dei saperi. L�importanza della comprensione della figura del giudizio nella Scrittura per la costruzione delle relazioni personali e di gruppo - qui limitata, come 1 Per una significativa bench� ridotta silloge v. c. II, sez. 4.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Pier Paolo Pavarotti Contatta »

Composta da 230 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3023 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.