Skip to content

Un secolo in testa al gruppo: cenni di storia della Gazzetta dello Sport

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Pucci
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Giovanni Gozzini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 271

La tesi mira a ricostruire i primi 105 anni di storia di quello che ormai è considerato come il primo quotidiano sportivo nel mondo: "La Gazzetta dello Sport". Ne ricostruisce la genesi, lo sviluppo, i grandi momenti di svolta, elaborando una periodizzazione storica che divide questi 105 anni in quattro grandi periodi. E' un piccolo tentativo di dare un contributo alla STORIA di un giornalismo, quello sportivo, che in Italia rappresenta da sempre un fenomeno importanete che però non è mai stato degnato di attenzione. La ricostruzione storica, basata sull'analisi DIRETTA di TUTTI i numeri usciti dal 3 aprile 1896 al settembre del 2001, mira anche a mettere in relazione i mutamenti del giornale con i cambiamenti della società circostante (guerre, fascismo, ...) e, chiaramente, con i grandi campioni e le loro imprese sportive. E' inoltre il contenitore di tanti articoli (soprattutto parti di essi) dei più grandi giornalisti sportivi (e non) del ventesimo secolo, che hanno scritto pagine memorabili della Gazzetta: da Gianni Brera a Gualtiero Zanetti, da Giorgio Bocca ad Enzo Biagi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L’editoria sportiva in Italia è caratterizzata da un’anomalia che la distingue da tutti gli altri paesi del mondo, ossia la contemporanea presenza di tre quotidiani sportivi a diffusione nazionale: la Gazzetta dello Sport (Milano, 1896), Tuttosport (Torino, 1945) e il Corriere dello Sport – Stadio, nato nel 1977 dalla fusione del Corriere dello Sport (Roma 1924, diventato il Littoriale nel 1927, tornato Corriere nel 1943) e Stadio (Bologna, 1945). L’importanza della stampa sportiva all’interno del panorama editoriale italiano, la possiamo distinguere su due livelli: un livello diffusionale ed un livello di contenuti. Per quel che riguarda il primo livello, le tre testate segnalate sopra, sono costantemente fra le prime otto che si dividono giornalmente la metà delle vendite, assieme a quotidiani del calibro del Corriere della Sera (oltre le 650 mila copie), Repubblica (600 mila) e il Sole-24 Ore (350 mila). La Gazzetta dello Sport ha una tiratura media di 400-450 mila copie, il Corriere dello Sport-Stadio si attesta sulle 240 mila, mentre Tuttosport arriva sulle 150 mila. E’ soprattutto grazie allo sviluppo della stampa sportiva che negli anni ’80 la stampa italiana è riuscita ad andare oltre la fatidica soglia dei 6 milioni di copie 1 . Se poi andiamo a vedere il numero di lettori, ci accorgiamo che la Gazzetta dello Sport è il primo quotidiano ad aver superato i tre milioni di lettori nel 1983, in seguito al boom della stampa sportiva seguito alla vittoria dell’Italia ai mondiali di Spagna del 1982. Per gran parte degli anni ’80 la Gazzetta sarà il quotidiano italiano più letto in assoluto, con circa 3.400.000 lettori nel giorno medio e oltre 6.200.000 il lunedì. Negli anni ’90 la sua leadership sarà costante, in quanto si manterrà sempre nelle prime tre posizioni, alternandosi con quotidiani del calibro di Repubblica e del Corriere della Sera (sempre oltre i 3.000.000 di lettori). Per quel che riguarda invece la distribuzione di lettori nella cerchia dei tre quotidiani sportivi, negli ultimi dieci anni, le percentuali all’interno dei quotidiani sportivi, si sono distribuite più o meno su queste cifre: 54% la Gazzetta dello Sport; 33% il Corriere dello Sport – Stadio, 13% Tuttosport. A livello di contenuti invece, il giornale sportivo sublima la propensione del nostro paese ad essere costituito da 56 milioni di potenziali commissari tecnici della nazionale di calcio. In Italia domina la chiacchiera sportiva, la Gazzetta o il Corriere piuttosto che Tuttosport, troneggiano sui tavolini e sui frigoriferi dei gelati di tutti i bar del paese: il quotidiano sportivo ha surrogato la mancanza di quello popolare, portando a livelli impareggiabili la cultura da "Bar Sport". Come sottolinea Franco Arturi, attuale vice direttore della Gazzetta dello Sport, “un quotidiano popolare in Italia non ha mai attecchito probabilmente perché nessun’altra espressione pubblica può essere più popolare del giornalismo sportivo. Che si serve di un linguaggio semplice ed efficace al punto di essere mutuato da altre forme medianiche, interpreta i sentimenti più popolari, descrive 1 Paolo Murialdi, Storia del giornalismo italiano, il Mulino, Bologna 1996, p.279.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

candido cannavò
gazzetta dello sport
gazzetta.it
gianni brera
giornalismo sportivo
quotidiani sportivi
stampa sportiva
storia del giornalismo
storia dello sport

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi