Skip to content

Le lettere familiari di Giulio Perticari

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Carboni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Achille Tartaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

Le lettere familiari inedite di Giulio Perticari, letterato del primo ottocento e genero di Vincenzo Monti, conservate nella Biblioteca dei Musei Oliveriani di Pesaro, contengono informazioni riguardo la questione della lingua del primo Ottocento in Italia e le posizioni dei letterati dell'epoca (il più noto, Leopardi), delle riviste letterarie e della cultura letteraria romantica. Importanti riferimenti a Dante e alla cultura classica italiana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. IL CARTEGGIO INEDITO DI GIULIO PERTICARI CONSERVATO NELLA BIBLIOTECA DEI MUSEI OLIVERIANI DI PESARO Il ricco epistolario di Giulio Perticari resta fino ad oggi pressoché sconosciuto, essendo la maggior parte delle lettere (318 per l’esattezza) ancora inedite e conservata nella Biblioteca dei Musei Oliveriani di Pesaro. A partire dal 1783 fino al 1822, anno della sua morte (Perticari era nato a Savignano il 15 Agosto 1779), e ricoprendo così l’intero arco della sua vita, l’epistolario costituisce una significativa fonte di notizie e informazioni sulla sua educazione letteraria e culturale, sull’intensa attività filologica e linguistica e sull’impegno letterario che lo vide difensore e sostenitore della tesi di una lingua “comune” che, scevra di qualsiasi municipalisno, Dante aveva già a suo tempo individuato e sperimentato. Il maggior numero delle lettere è indirizzato al padre, il Conte Andrea Perticari. Le prime 65 sono dal Collegio S. Carlo di Fano, dove Giulio andò nel 1791 e lì compì i suoi studi fino alla fine del 1796 (quando ritornò a Pesaro), e dove fu introdotto allo studio della retorica, della filosofia e delle scienze umanistiche. In queste lettere Perticari, informando costantemente il padre sul suo andamento scolastico, sperimenta per la prima volta le sue capacità letterarie facendosi autore di brevi composizioni poetiche, le prime della sua attività artistica, anche se l’importanza letteraria e la fama di Perticari sono oggi da attribuire prevalentemente (se non esclusivamente) ai suoi scritti in prosa. Altre 33 lettere sono quasi tutte scritte da Savignano 1 , dall’estate del 1798 ad Ottobre del 1801. Furono, questi, tre anni e mezzo di intensa partecipazione alla vita cittadina: dal 1° Giugno 1799 al 14 Giugno 1800 fu Comandante della Civica Milizia; il 27 Dicembre 1800 entrò a far parte del Consiglio Cittadino di Savignano 2 ; partecipò alla fondazione dell’Accademia Letteraria che prese il nome di Simpemenia de’ Filopatridi 3 . 1 Solo due da Pesaro (entrambe datate Settembre 1798) ed una da Forlì (14 Maggio 1801). 2 L’apertura del Teatro avvenne nel 1801 con la recita del “Saul” dell’Alfieri fatta dai dilettanti del luogo con Giulio nel ruolo del protagonista. 3 L’Accademia pesarese vantava antiche origini risalenti al tempo della Repubblica Romana, sotto la questura di M. Catone il Vecchio. Ripristinata e restaurata da Perticari, Cassi e Borghesi, ebbe come presidente Odoardo Macchirelli e come vicepresidente Perticari stesso. Vicecancelliere fu Francesco Cassi, cugino di Giulio, noto per la sua traduzione della “Farsaglia” di Lucano; Teofilo Betti, autore di una storia civile, ecclesiastica e letteraria pesarese, fu il segretario. Tra gli altri accademici ricordiamo Pietro Petrucci, valente matematico e botanico; Domenico Paoli, chimico e geologo; Antonio Coli, fisico e matematico; Alessandro Perotti, maestro di retorica ed elegante oratore; il Marchese Antaldo Antaldi, dedito agli studi classici e noto per le sue dotte correzioni ai poemi di Catullo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costanza monti
epistolario di giacomo leopardi
pietro bembo
questione della lingua
vincenzo monti
romanticismo
storia della lingua italiana
giulio perticari
epistolari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi