Skip to content

Prediction of signal recognition particle RNA genes

Informazioni tesi

  Autore: Marco Regalia
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Biologia Cellulare e Molecolare
Anno: 2002
Docente/Relatore: Graziano Pesole
Correlatore: ToreSamuelsson
Istituito da: Università degli Studi di Milano
Dipartimento: Biologia
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 88

BACKGROUND: The signal recognition particle (SRP) is a cytoplasmic ribonucleoprotein complex responsible for the cotranslational targeting of secretory and membrane proteins to the endoplasmic reticulum in eukaryotes or to the plasma membrane in prokaryotes. SRP RNA is a noncoding RNA component of SRP present in all living cells so far examined. We describe a method for prediction of genes that encode SRP RNA. A heuristic search for the strongly conserved helix 8 motif is combined with covariance models that are based on previously known SRP RNA sequences.
RESULTS: By screening available genomic sequences, we have identified a large number of novel SRP RNA genes and we can account for at least one gene in every genome that has been completely sequenced. Novel bacterial RNAs include that of Thermotoga maritima that, unlike all other non-gram positive eubacteria, is predicted to have an Alu domain. We have also found the RNAs of Lactococcus lactis and Staphylococcus to have an unusual UGAC tetraloop in helix 8 instead of the normal GNRA sequence. An investigation of yeast RNAs reveals conserved sequence elements of the Alu domain that aid in the analysis of these RNAs. Inspection of the human genome reveals only two likely genes, both on chromosome 14.
CONCLUSIONS: Our method for prediction of SRP RNA genes is the first convenient tool for this task that demonstrated to be efficient and accurate and it should be therefore helpful in genome annotation.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 5 - 1. Introduction Whereas there are many efficient tools for the identification of protein genes in genome sequences, we lack tools for the analysis of many noncoding RNAs. Therefore, most of the finished genome sequences published today lack annotation information about these RNAs. One difficulty with the identification of noncoding RNAs is that sequence tends to be poorly conserved and, therefore, standard tools such as BLAST [93] may be used only in the identification of orthologs in closely related organisms. On the other hand, many noncoding RNAs tend to have conserved secondary structure elements that may be used for their identification. Methods that have been used so far include the covariance models developed by Eddy and Durbin [94] as well as pattern matching, which is based on regular expression matching where also base-pairing schemes are taken into account. In the latter category, there is PatScan and PatSearch [95, 96, 97] as well as the rnabob tool of Sean Eddy [98]. In this work, we have studied methods to identify the RNA component of the signal recognition particle (SRP). The result is an automatic computer-based procedure that, starting from genomic data, finds genes coding for SRP RNA and hence scores, aligns and folds them. This procedure is available online as a public accessible web page http://bio.lundberg.gu.se/srpscan/ [1]. The first part of this thesis will give a theoretical overview of both noncoding RNA and signal recognition particle structure and function. A brief description of the statistical algorithms on which the programs are based will be given too. This section is intended to provide all the biological and computer science background necessary for a complete understanding of the material discussed in the following chapters. It intentionally includes

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bioinformatics
dna
rna
rnomics
genomics
molecular biology
informatics
biology
human genome

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi