Skip to content

Il rischio di interesse e gli strumenti per un suo controllo

Informazioni tesi

  Autore: Sue Virginia Russo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1994-95
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Roberto Malavasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 234

Le gestioni bancarie sono esposte al rischio derivante da variazioni inattese dei tassi di interesse di mercato. Tale rischio, definito ''rischio di interesse'', ha assunto particolare rilievo solo negli ultimi anni poichè, fino agli anni Settanta, la sostanziale stabilità dei tassi non ha richiesto alle aziende di credito una particolare attenzione per il suo controllo. A cominciare dagli anni Settanta invece, i mercati creditizi e finanziari, nazionali ed internazionali, hanno subìto profonde trasformazioni che hanno modificato il contesto operativo degli intermediari determinando anche una maggiore variabilità dei tassi di interesse.
Questi mutamenti hanno significato per le aziende di credito una maggiore concorrenza sia nell'offerta che nella domanda di credito, una relativa contrazione dell'attività nelle tra-dizionali aree di operatività e della redditività di gestione. Gli intermediari hanno reagito con la ridefinizione delle loro strategie e politiche gestionali, non più adeguate ad un contesto estremamente dinamico ed instabile. Questo processo evolutivo ha portato ad una ricomposi-zione dell'attivo e del passivo: si sono modificate le proporzioni tra poste a tasso variabile e poste a tasso fisso e tra indebitamento e capitali propri, sono state differenziate le caratteristiche economico-tecniche dei contratti, sono stati acquisiti nuovi strumenti finanziari da iscrivere in bilancio o fuori bilancio. Il ridimensionamento della redditività ha anche portato gli in-termediari ad adottare specifiche metodologie di rilevazione e controllo dei rischi assunti e a diversificare le funzioni svolte.
Questa Tesi approfondisce le problematiche che gli intermediari creditizi e le autorità di vigilanza affrontano, seppure da punti di vista differenti, a motivo della variabilità dei tassi di interesse.
I primi si devono dotare di adeguate strumentazioni, quali i modelli quantitativi, per la rilevazione e la gestione del rischio di interesse insito nella struttura di bilancio; essi trovano nella negoziazione di strumenti derivati una soluzione rapida e relativamente poco costosa per la copertura e la gestione attiva del rischio. Con riguardo ai modelli quantitativi più importanti e agli strumenti derivati esistenti si descrivono le caratteristiche salienti, le logiche e le modalità di utilizzo, le implicazioni gestionali.
Le autorità di vigilanza si propongono di evitare crisi sistemiche provocate da moda-lità di gestione del rischio poco accorte e ricercano schemi di rilevazione del rischio di interes-se semplici ed espressivi. Per l'ambiziosità di tale obiettivo le soluzioni adottate non sono an-cora definitive.
Nella prima parte di questa Tesi, si considerano le peculiarità della gestione creditizia, gli effetti che su di essa produce un'alta variabilità dei tassi di interesse e i possibili approcci di valutazione dell'esposizione al rischio di tasso.
Il rischio di interesse deriva da variazioni dei tassi di interesse di mercato. Una variazione dei tassi di interesse si riflette sulla performance, espressa in termini di una data variabile-obiettivo, di un'azienda di credito passando attraverso la struttura per scadenze di bilancio ma seguendo percorsi diversi: i tassi rinegoziati sull'attivo e sul passivo, il valore di mercato delle poste, i volumi di attività e passività. Dunque una variazione dei tassi di mercato non ha solo effetti reddituali, ma anche sui volumi di attività e sul valore di mercato del patrimonio netto. Poichè solitamente non vi è una (perfetta) simmetria tra la composizione dell'attivo e quella del passivo, e tale simmetria renderebbe nullo tale rischio, una variazione dei tassi di interesse rischia di non produrre le stesse modifiche sulle caratteristiche delle poste attive e passive e quindi di rendere l'intermediario esposto al rischio di interesse.
Ora, poichè nella struttura per forme tecniche, scadenze e rendimenti delle poste di bilancio risiede sia l'equilibrio finanziario.....

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE I mercati creditizi e finanziari, nazionali ed internazionali, hanno su- bìto, a cominciare dagli anni Settanta, profonde trasformazioni. Nei principali paesi industrializzati, le politiche di controllo degli ag- gregati monetari sempre più frequentemente si sono basate sulla manovra dei tassi di interesse rendendo i tassi stessi più variabili. I grandi complessi industriali hanno acquisito fiducia presso i rispar- miatori e gli investitori e si sono finanziati sui mercati direttamente, senza intermediari. I risparmiatori hanno preferito ai depositi bancari altre forme di investimento più remunerative quali i valori mobiliari di emissione pub- blica e privata. La domanda e l’offerta di credito tradizionali si sono quindi modificate ed altri e diversi prodotti finanziari si sono diffusi tra gli opera- tori. Nell’intento di migliorare l’allocazione globale delle risorse, le auto- rità competenti dei paesi più evoluti hanno avviato un processo di integra- zione dei mercati creditizi e finanziari internazionali. Questa circostanza ha creato le condizioni per una maggiore concorrenzialità tra gli operatori dei mercati stessi, già aumentata per la presenza delle imprese e dello Stato. L’integrazione dei mercati li ha resi interdipendenti e più instabili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banche
gestioni bancarie
rischio interessi
tassi di interesse
tasso interesse
variazione tassi interesse

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi