Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'e-learning e i gruppi virtuali

La tesi si sofferma sugli aspetti psicologici dell’E-learning dando enfasi non tanto al termine “electronic” ma al sostantivo “learning”.
Dalla letteratura consultata, dall’esperienza vissuta durante il corso di specializzazione “Esperta di progettazione, sviluppo e animazione di comunità di apprendimento permanente in ambito E-learning” presso l’istituto Salesiano San Zeno di Verona e dalla partecipazione al corso in Rete “Formazione formatori” Progetto Risorgeco nascono le riflessioni sulla formazione on line come strategia di apprendimento che necessita una nuova consapevolezza e “forma mentis” sia per i discenti, che i progettisti del corso e i tutor.
Si indaga del nuovo spazio di apprendimento non come mera area virtuale ma come “stato mentale” in cui gli utenti si inseriscono e interagiscono creando una “persona on line”, sviluppando dinamiche tipiche di una situazione mediata dal computer.
Riprendendo gli studi classici sulla formazione dei gruppi, lo sviluppo della leadership e delle prime impressioni si focalizza l’attenzione sui gruppi virtuali analizzando le variabili che influenzano la collaborazione e la cooperazione tra discenti per la buona riuscita di un percorso di e-learning definito ancor meglio come di net learning.
Innovativo è l’approccio con cui si studia la formazione in Rete: partendo dalla fase di formazione della classe virtuale si indaga sulle variabili determinanti della buona riuscita di un corso on line evidenziando le analogie e le differenze con un gruppo faccia a faccia soffermandosi sul senso di appartenenza ad un gruppo virtuale, sui processi decisionali e sulla gestione e buona riuscita di attività di apprendimento collaborativo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 “Investire nell’immateriale e valorizzare le risorse umane aumenteranno la competitività globale, svilupperanno l’occupazione, permetteranno di conservare le conquiste sociali (…). La posizione di ciascuno nello spazio del sapere e della competenza sarà dunque decisivo. Questa posizione relativa, che si può definire rapporto cognitivo, strutturerà sempre più fortemente le nostre società…” 1 Introduzione Il Libro bianco sull’educazione e la formazione: insegnare e apprendere – verso la società cognitiva (1995) descrive la transizione verso una nuova società: “la società cognitiva”, partendo dal ruolo strategico che la formazione è chiamata ad esercitare per rispondere in modo positivo all’impatto prodotto dalla società dell’informazione, dalla mondializzazione dell’economia e dalla civilizzazione scientifica e tecnica. La formazione quindi non può essere considerata un problema a se stante né, a maggior ragione, marginale ma come un punto focale per lo sviluppo della “società cognitiva”. Per giungere quindi a definire le linee di un possibile contributo della formazione a distanza per la nascita di un sistema moderno di formazione conviene, prima di tutto, analizzare le diverse caratteristiche tipiche dell’attuale società. L’azione concomitante della diminuzione delle nascite e del prolungamento della durata di vita ha determinato da un lato l’invecchiamento della popolazione e dall’altro una estensione del periodo della vita dedicato alle attività sociali e produttive. Le continue innovazioni tecnologiche hanno mutato la natura del lavoro e l’organizzazione della produzione provocando un aumento del periodo della vita dedicato alla formazione, sia nella fase iniziale (soprattutto per effetto del ritardato ingresso delle nuove generazioni nel mercato del lavoro) sia nelle fasi successive (Cecconi, 1997). La formazione si presenta sempre di più come un bisogno continuo e abbraccia un ampio raggio di utenza occupato soprattutto dagli adulti che con la 1 Livre Blanc sur l’èducation et la formation: enseigner et apprendre vers la société cognitive, U. E. , Bruxelles, 1995

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Francesca Pessina Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4990 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.