Skip to content

Istituti clemenziali in diritto penale: profili di legittimità costituzionale e di politica criminale

Informazioni tesi

  Autore: Salvatore Gaudiello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Vincenzo Patalano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 265

Anche se il concetto di clemenza collettiva sembra riecheggiare, almeno semanticamente, un'accezione vagamente umanitaria del diritto penale, bisogna sottoporre questa immagine edulcorata ad alcune precisazioni corrosive.
Molto spesso, infatti, la deroga al regime sanzionatorio si accompagna al mantenimento del medesimo, sul presupposto che esso sia valido e degno di essere conservato, con ciò, conducendo, inevitabilmente, al disvelamento della sua natura intrinsecamente repressiva e meramente opportunistica.
Ad un'attenta analisi, invero, l’evoluzione storica degli istituti di clemenza mostra chiaramente che nello spettro policromatico che filtra dalla potestà di clemenza, si è evidenziata – fino a divenirne il tratto distintivo – la sua accezione di strumento politico: si è imposto, in altre parole, un contrassegno che ne esalta la poliedricità degli usi e ne moltiplica le direzioni applicative.
In tale prospettiva, la schizofrenia politico-criminale che ha scandito la "politica delle amnistie" durante l'esperienza dello Stato unitario, sembra aver ridotto il fenomeno indulgenziale "à une sorte de impressionnisme juridique":
Il rischio, inevitabilmente connesso all’inesistenza di limiti di natura sostanziale, è rappresentato dalla difficoltà di selezionare, fra le innumerevoli e divergenti esigenze da cui può scaturire un provvedimento di clemenza, quelle suscettibili di armonizzare con i principi informatori dell’ordinamento costituzionale.
Questa degenerazione potestativa del fenomeno clemenziale, in effetti, costituisce la fisiologica conseguenza dell'adozione di un modello teleologicamente deformato, di un modello, cioè, assurto al rango di variabile indipendente dai criteri di razionalità assio-teleologica che descrivono i tratti somatici dell'identità penalistica 'classica'.
Al momento, tuttavia, sia il superamento dell'atteggiamento di tradizionale agnosticismo rispetto ai valori della politica criminale, sia il connesso tentativo di materializzare anche sul piano della non punibilità la prospettiva di "integrazione sociale" avallata dal diritto penale e secolarizzata dall'esperienza delle costituzioni moderne, impongono di rigettare la configurazione di una clemenza che funga da cornice elastica capace di offrire inquadramento e decoro ad ogni pittura, capace, cioè, di consentire l'innesto di apprezzamenti contingenti ed opportunistici relativi al bisogno di punire che, in quanto tali, afferiscono a dimensioni fortemente attratte in una logica di ragion di Stato.
Inoltre, la gestione prevalentemente demagogica delle diverse fasi della dinamica sanzionatoria, inevitabilmente connessa al perseguimento di obiettivi solo simbolicamente efficienti, si traduce, sia nell’ipertrofia del diritto penale, sia nel correlato fenomeno della necessaria proliferazione dei provvedimenti di clemenza.
Ne consegue, pertanto, che lo stato di euforia penalistica, se non di patologica megalomania, indotto dal dismisurato allargamento della gamma dei comportamenti penalmente rilevanti, oltre a determinare un deleterio affievolimento della funzione di orientamento culturale che il diritto penale esercita nella misura in cui induce processi di interiorizzazione dei valori ad esso sottesi, è destinato inesorabilmente a ingenerare la paralisi della macchina della giustizia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
V I N T R O D U Z I O N E "Spesso ciò che sembra clemenza non è tale; spesso il perdono è il padre di un secondo delitto". (Shakespeare, Misura per misura, atto III, scena IV). Anche se il concetto di clemenza collettiva sembra riecheggiare, almeno semanticamente, un'accezione vagamente umanitaria del diritto penale, bisogna sottoporre questa immagine edulcorata ad alcune precisazioni corrosive. Molto spesso, infatti, la deroga al regime sanzionatorio - da cui scaturisce l'illusoria connotazione umanitaristica - si accompagna al mantenimento del medesimo, sul presupposto che esso sia valido e degno di essere conservato, con ciò, conducendo, inevitabilmente, al disvelamento del suo 'volto nero', ossia della sua natura intrinsecamente repressiva e meramente opportunistica. Si tratta di risolvere, in sostanza, quell'antinomia che proietta il senso intimo della clemenza, che come i gemelli delle fiabe vive della sua doppia identità, una benigna e l'altra maligna. Ad un'attenta analisi, invero, l’evoluzione storica degli istituti di clemenza, soprattutto in relazione ai profili dell’assenza di limiti sostanziali e della prassi, mostra chiaramente che nello spettro policromatico che filtra dalla potestà di clemenza, si è evidenziata – fino a divenirne il tratto distintivo – la sua accezione di strumento politico: si è imposto, in altre parole, un contrassegno che ne esalta la poliedricità degli usi e ne moltiplica le direzioni applicative. Il rischio, inevitabilmente connesso all’inesistenza di limiti di natura sostanziale, è rappresentato dalla difficoltà di selezionare, fra le innumerevoli e divergenti esigenze da cui può scaturire un provvedimento di clemenza, quelle suscettibili di armonizzare con i principi informatori dell’ordinamento costituzionale. In tale prospettiva, la schizofrenia politico-criminale che ha contrassegnato la "politica delle amnistie" durante l'esperienza dello Stato unitario, sembra aver

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amnistia
indulto
premialità
remissione della sanzione
diritto penale
istituti di clemenza
articolo 79 della costituzione
provvedimenti di clemenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi