Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le fonti dell'ordinamento italiano: fonti atipiche e leggi rinforzate

Ampia panoramica dedicata allo studio delle fonti del diritto costituzionale italiano, con particolare riferimento allo studio delle fonti atipiche dell'ordinamento costituzionale italiano e con specifici approfondimenti sulle leggi rinforzate e il dibattito dottrinario ad esso collegato

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Le Leggi Rinforzate costituiscono un nodo alquanto delicato all’interno del nostro ordinamento. Fondamentalmente riconoscere l’esistenza o meno di tali particolari leggi (così definite dal CRISAFULLI), significa in un certo senso mettere in discussione quello che è l’impianto dettato dal diritto positivo e in particolar modo dalla nostra Carta Costituzionale. Ancora, però, questo è un tema che si riallaccia al problema, in parte ben più ampio, delle fonti atipiche; infatti riconoscere o meno l’esistenza delle leggi rinforzate (come vedremo), presuppone e postula il riconoscere o meno un certo spazio legislativo alla categoria delle fonti atipiche. Nel momento in cui riconosciamo, anche se non tutti accettano pacificamente tale orientamento, l’esistenza di tali fonti è chiaro che la nostra attenzione si deve spostare su un secondo aspetto del problema.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Sergio Perugino Contatta »

Composta da 205 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6547 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.