Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il viaggio come ricerca del Sè: due romanzi di E.M. Forster

Il viaggio, sia quello fisico all'interno di uno spazio geografico, sia quello metaforico all'interno di se stessi è comunque sempre una forza plasmante che modifica l'identità, la mente, la coscienza del viaggiatore. Si tratta di un'idea fortemente radicata nel corso della storia e della letteratura, fin dalle sue origini più remote.
Le parti fondamentali della tesi sono:
- L'analisi dei precedenti storici e letterari che permettono di considerare il viaggio come forza plasmante
- L'esame di alcuni meccanismi psicologici che, attraverso lo strumento del viaggio, contribuiscono al cambiamento della propria identità e a una riscoperta del proprio Sè più autentico
- L'analisi di questi meccanismi nei personaggi forsteriani, in particolare in A Room with a View e Monteriano

Mostra/Nascondi contenuto.
1 I. INTRODUZIONE I.1. E.M. FORSTER: VITA E OPERE I.1.1 LA VITA I.1.2 LE OPERE Brevi cenni sulla vita e sulle principali opere dell'autore inglese, con particolare attenzione agli episodi che hanno avuto un influenza significativa sui romanzi trattati. I.2. LA CRITICA I.2.1 IL CONTESTO STORICO-CULTURALE Progressiva perdita, nei primi anni del Novecento, delle certezze e dei solidi valori morali che avevano caratterizzato l'epoca della regina Vittoria. Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale crea un senso di profonda crisi e di smarrimento che non possono non influenzare il mondo dell'arte e, in particolare della letteratura. La personalità degli individui si rivela sempre più fragile e frammentaria, la loro vita è sempre più carica di un forte senso di precarietà. All'oggettività che caratterizzava la visione della realtà in epoca vittoriana, si sostituisce progressivamente il punto di vista soggettivo. La realtà cambia a seconda del soggetto che la osserva: questa convinzione determina un senso di profonda incomunicabilità tra gli individui, ciascuno rinchiuso nel suo mondo di esperienze del tutto personali e incomprensibili agli altri. Sono abbattuti i confini tra mondo esterno e mondo interiore: attraverso la teoria dello stream of consciousness e la tecnica narrativa del monologo interiore, anche la letteratura tenta di dare pieno sfogo al senso di precarietà e di frammentazione che domina in questi anni. I.2.2 E.M. FORSTER: TRA REALISMO E SIMBOLISMO Difficoltà di collocazione culturale della produzione di Forster. Alcuni critici, come l'italiano Elio Vittorini, collocano Forster nell'ambito del Neorealismo, sottolineando l'attenzione esasperata dell'autore inglese per il dettaglio e la descrizione della realtà nei suoi minimi particolari. Altri critici (Peter Burra e E.K. Brown) invece imputano a Forster una totale mancanza di realismo, ammettendo comunque che gli episodi più lontani dalla realtà sono sempre introdotti da una serie di "avvertimenti", di immagini ricorrenti, di "segni" che contribuiscono a tessere una trama simbolica all'interno del romanzo. Agostino Lombardo riconosce il Simbolismo di Forster e la sua capacità di aver trovato la forma espressiva che permette di penetrare nel mistero che si nasconde dietro alla realtà, e di aver raggiunto un equilibrio quasi perfetto tra realtà e simbolo. Altri critici collocano Forster nell'ambito del Decadentismo e dell'Estetismo dell'ultimo decennio dell'Ottocento. Pietro Mandrillo evidenzia come questa collocazione sia inaccettabile, essendo la concezione forsteriana dell'arte molto diversa da quella decadente dell'arte fine a se stessa. Collocazione, ad opera di Virginia Woolf, della produzione di Forster, a metà strada tra realismo e simbolismo. La molteplicità delle posizioni dei critici rispetto alle opere di Forster, giustifica l'idea di Alberto Abrasino, secondo cui l'ambiguità di questo scrittore deve essere accettata come un dato essenziale della sua natura. Appartenendo egli ad un periodo di

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Samantha Peressini Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14860 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.