Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Technolized. Rave parties e comunità virtuali

La tesi tratta il fenomeno dei Rave Parties partendo dalla letteratura scientifica e accademica prodotta negli ultimi 10 anni.
La ricerca vera è propria consiste in una web-etnografia sulle comunità di ravers degli U.S.A, comunità che vivono e agiscono nella rete.
Una serie di interviste a diversi personaggi ricostruisce lo scenario rave romano dei primi anni novanta.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Nel corso degli ultimi anni sono state innumerevoli le pubblicazioni italiane ed estere, che hanno trattato e discusso il fenomeno dei rave parties da tutte le possibili angolazioni esistenti. Molteplici gli interventi e le partecipazioni degli studiosi, dei ricercatori, dei semplici utenti e dei singoli studenti, volti all’analisi di questo particolare evento socio-culturale. Mutazioni sociali, innesti digitali, esperienza psico-inebriante, sincretismo sub-culturale, il rave sfugge alle analisi e alle classificazioni; movimento underground in continua evoluzione, riciclaggio continuo di vecchie e nuove configurazioni spazio-identitarie, di tecnologie analogiche e digitali, vecchi e nuovi simboli rielaborati e reintegrati all’interno del tessuto sociale che connette la metropoli con il singolo individuo e il singolo individuo con il gruppo sociale legato ad una determinata sub-cultura 1 di cui egli stesso è portatore…. sano. La pubblicistica italiana si è da tempo interessata allo scenario rave nazionale ed europeo, ma finito il clamore mediatico iniziale dei primi anni ’90, il rave ha focalizzato su di sé le attenzioni degli esperti e degli studiosi sociali di tutte le università d’Italia soprattutto per una delle sue diverse “digi-evoluzioni” 2 che sembra ancora resistere agli attacchi del mainstream e della globalizzazione pop pompata da MTV. Il rave illegale, sinergia “squat e tribarola” 3 , rivendicazione di 1 Preferisco usare il termine sub-cultura rispetto a contro-cultura, personalmente il termine contro-cultura mi sa un po’ troppo di propaganda catodica. 2 Termine preso in prestito da un famoso clone animato dei Pokemon. 3 Così è detta a Roma una persona che appartiene ad una techno-tribe.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Umberto Schiavella Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2863 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.