Skip to content

L'attività d'impresa degli enti senza scopo di lucro

Informazioni tesi

  Autore: Danilo Ferrante
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Carrozza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

La tesi cerca di indagare su come le tradizionali regole del dritto privato e del diritto pubblico, pensate per l'imprenditore che agisce a scopo di lucro (individuale o societario) possano essere applicate a enti collettivi (e anche alle fondazioni, ove si propenda per l'esclusione di tale soggetto dal novero delle formazioni sociali) che agiscono nel mercato per scopi diversi dalla spartizione del lucro.
Una prima parte è dedicata a chiarire la nozione di ente collettivo senza scopo di lucro; si cerca di mostrare come la nozione di ente non lucrativo rimanga valida anche quando il soggetto in esame compia un'attività economica, purché rispetti sempre il divieto di distribuzione degli utili.
Una seconda parte è dedicata alla disamina specifica delle regole classiche del diritto commerciale (i cosiddetti "statuti" dell'imprenditore), applicate agli enti senza scopo di lucro.
La terza e ultima parte è dedicata ad alcuni soggetti in particolare, come le organizzazioni di volontariato, gli enti ecclesiastici, le fondazioni bancarie o gli enti musicali, che hanno avuto maggiore importanza per la prassi o perché tenuti particolarmente in considerazione dal legislatore.
Si conclude per la generale possibilità che un ente senza scopo di lucro possa, rimanendo tale e non venendo riqualificato come società di fatto, agire sul mercato come un imprenditore, ma essendo sottoposto alle comuni regole cui soggiacciono gli imprenditori economici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE. Tratti evolutivi del settore dal codice civile ad oggi. Non è certo un compito difficile, in questi tempi, giustificare il proprio interesse per un argomento legato al mondo dell'associazionismo. Chiunque può notare come tutto il settore sia in fermento. A questa constatazione si può arrivare con gli strumenti del giurista, oppure (prescindendone totalmente) con valutazioni di tipo sociologico. Il giurista può notare come si sia passati dalle norme codicistiche, oltremodo scarne per le associazioni non riconosciute e un po' più articolate per quelle riconosciute, alla vasta e multiforme produzione legislativa attuale. In particolare, le associazioni non riconosciute sono state indicate "come un esempio, tra i più eclatanti, dell'influenza stravolgente che un istituto può avere sui disegni astratti del legislatore" 1 . Le disposizioni di maggior rilievo in termini di principio ovviamente si rinvengono nella Costituzione (artt. 2, sulle formazioni sociali, 17, sulla libertà di riunione, 18, sulla libertà di associazione). A queste si sono aggiunte le decisioni della Corte Costituzionale, che ha invalidato alcune norme del Testo unico di pubblica sicurezza del 1931, riferibili, tutte, a un sistema di valori che era divenuto inattuale e incompatibile con il nuovo assetto politico e istituzionale. I giudici della legge non hanno però portato fino in fondo la propria opera; e, infatti, non hanno dichiarato, per esempio, l'incostituzionalità, almeno parziale, del sistema concessorio previsto per le persone giuridiche. Si è mosso anche il legislatore ordinario. Se è mancato un intervento riformatore generale, almeno per quel che riguarda la normativa civilistica, tuttavia sono stati disciplinati alcuni particolari aspetti suscettibili di interessare i vari tipi di enti collettivi. Si pensi, sempre in via di stretta esemplificazione, alla trascrizione degli atti aventi ad oggetto beni immobili in capo alle associazioni non riconosciute (legge 27 febbraio 1985, n. 52, che ha modificato l'art. 2659 c.c. 2 ); alle disposizioni del codice di procedura penale 3 (artt. 91-95) in cui si prevede che gli enti e le 1 LISERRE, Le associazioni non riconosciute tra modelli e realtà, Jus, 1983, p. 50. 2 La legge 27 febbraio 1985, n. 52, contiene “modifiche al libro sesto del codice civile e norme di servizio ipotecario con riferimento all’introduzione di un sistema di elaborazione automatica nelle conservatorie dei registri immobiliari”. 3 Approvato con il d.p.r. 22 settembre 1988, n. 447, ed entrato in vigore il 24 ottobre 1989.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eterodestinazione degli utili
lucro oggettivo
lucro soggettivo
non profit
onlus
enti non lucrativi
divieto di distribuzione degli utili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi