Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie competitive nell'industria europea degli elettrodomestici bianchi

Scopo di questo lavoro è analizzare l’industria europea degli elettrodomestici evidenziando quali sono e quali sono state le principali strategie competitive seguite dalle imprese europee.
Nell’analisi della domanda ho cercato di evidenziare i principali elementi del comportamento di acquisto e consumo del prodotto elettrodomestico. In particolare ho evidenziato le principali determinanti economiche e demografiche della domanda. Una problematica di fondo del mercato europeo è rappresentata dalle diversità esistenti nei singoli mercati regionali. La domanda europea di elettrodomestici è stata ampiamente differenziata e legata a specifiche realtà locali: diversità culturali e di reddito disponibile hanno rappresentato i maggiori ostacoli alla creazione di un unico grande mercato. Nell’ultimo decennio i comportamenti dei consumatori europei stanno convergendo su modelli comuni: sono i segmenti di mercato e non i confini gli elementi determinanti per impostare una politica di mercato vincente.
Dal lato dell’offerta il settore europeo è caratterizzato da una tendenza alla concentrazione che lo ha caratterizzato fin dagli esordi. In questa ottica la concentrazione del settore è funzionale al raggiungimento di economie di scala e di apprendimento, considerato che il mercato si presenta perfettamente coniugabile con i rendimenti crescenti associati alle varie forme di economie evidenziate in precedenza.
Il modello di analisi sviluppato da Porter ci permette di analizzare le strategie competitive seguite dalle singole imprese. Il settore degli elettrodomestici bianchi si caratterizza per l’elevata quantità di fattori su cui può essere giocata la strategia competitiva. Le imprese, infatti, possono operare politiche concorrenziali basate sul prezzo, sulla differenziazione qualitativa dei prodotti, anche per mezzo di una forte attività di innovazione, e su elevate spese di comunicazione. La crescita delle vendite deriva non tanto dalla capacità dell’azienda di mantenere i prezzi bassi, ma anche da fattori non price, quali il design, la capacità di soddisfare specifici bisogni, la qualità.
Il mercato domestico è diventato un’eccezione e la globalizzazione la regola. Le tecnologie di produzione flessibile, la gestione integrata di impianti specialistici e la gestione dei marchi differenziati hanno permesso alle imprese di globalizzare le unità segmentali di mercato, indipendentemente dalle aree geografiche. Da questo tipo di analisi emerge che quelle imprese che hanno costruito il proprio vantaggio competitivo sulla globalizzazione hanno seguito una strategia vincente in termini di creazione di valore per i propri azionisti.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione. Scopo di questo lavoro è analizzare l’industria europea degli elettrodomestici evidenziando quali sono e quali sono state le principali strategie competitive seguite dalle imprese europee. Nell’analisi della domanda ho cercato di evidenziare i principali elementi del comportamento di acquisto e consumo del prodotto elettrodomestico. In particolare ho evidenziato le principali determinanti economiche e demografiche della domanda. Una problematica di fondo del mercato europeo è rappresentata dalle diversità esistenti nei singoli mercati regionali. La domanda europea di elettrodomestici è stata ampiamente differenziata e legata a specifiche realtà locali: diversità culturali e di reddito disponibile hanno rappresentato i maggiori ostacoli alla creazione di un unico grande mercato. Nell’ultimo decennio i comportamenti dei consumatori europei stanno convergendo su modelli comuni: sono i segmenti di mercato e non i confini gli elementi determinanti per impostare una politica di mercato vincente. Dal lato dell’offerta il settore europeo è caratterizzato da una tendenza alla concentrazione che lo ha caratterizzato fin dagli esordi. In questa ottica la concentrazione del settore è funzionale al raggiungimento di economie di scala e di apprendimento, considerato che il mercato si presenta perfettamente coniugabile con i rendimenti

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giacomo Biasotto Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6635 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.