Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Asset liability management per le compagnie di assicurazione sulla vita. Un caso operativo

Questo lavoro è il risultato di sei mesi di studio e di ricerche sulle tematiche dell’Asset Liability Management per le Compagnie d’assicurazione sulla vita. Si tratta di un progetto operativo realizzato presso la Nomos Sistema, nell’ambito del Master in Management dell’Innovazione organizzato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.
Le Compagnie d’assicurazione sono esposte ai rischi derivanti dalle loro attività (asset) e passività (liability), nonchè dalle relazione tra le due. L’Asset Liability Management (ALM) offre una struttura per valutare e gestire tali esposizioni al rischio in maniera sistematica ed efficiente per la Compagnia stessa, per gli assicurati e per l’Istituto di Vigilanza.
Da qualche anno, il management delle Compagnie assicurative si interroga sulle potenzialità dell’asset liability management. A vari livelli di responsabilità si intuisce che le logiche di asset liability management possono affermarsi come il nuovo paradigma di gestione della complessità di una impresa assicurativa. Che cosa è davvero l’asset liability management? Moda o rivoluzione? Non è possibile argomentare su basi scientifiche l’una o l’altra tesi. Mancano ancora analisi empiriche a cui far riferimento.
Secondo il mio punto di vista, l’asset liability management potrebbe essere la nuova chiave di lettura del contesto. In questa ottica di interpretazione, l’asset liability management evolve da strumento di monitoraggio dell’equilibrio economico finanziario della Compagnia a strumento di creazione del valore. La creazione del valore, e il suo mantenimento è frutto di una gestione integrata delle attività e delle passività, in grado di valutare e governare variabili ed elementi insieme quantitativi e qualitativi, integrando competenze professionalità e funzioni ad oggi disgiunte e separate da obiettivi e logiche differenti e parziali fra loro contrastanti.
Nella prima parte mi sono focalizzato sulle logiche e sulle tecniche dell’Asset liability management. Ho definito i principali requisiti del modello, i limiti e ho descritto quali sono al momento attuale le principali applicazioni in una compagnia. Nella seconda parte ho presentato il cliente, individuando quali sono le motivazioni che spingono il Gruppo Mitica a dotarsi di uno strumento di asset liability management. Nella parte successiva ho presentato il progetto facendo riferimento allo studio di fattibilità preliminare. Viene descritto le funzionalità del sistema di ALM, gli input e gli output forniti e il processo di approccio necessario.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questo lavoro è il risultato di sei mesi di studio e di ricerche sulle tematiche dell’Asset Liability Management per le Compagnie d’assicurazione sulla vita. Si tratta di un progetto operativo realizzato presso la Nomos Sistema, nell’ambito del Master in Management dell’Innovazione organizzato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Le Compagnie d’assicurazione sono esposte ai rischi derivanti dalle loro attività (asset) e passività (liability), nonché dalle relazione tra le due. L’Asset Liability Management (ALM) offre una struttura per valutare e gestire tali esposizioni al rischio in maniera sistematica ed efficiente per la Compagnia stessa, per gli assicurati e per l’Istituto di Vigilanza. Da qualche anno, il management delle Compagnie assicurative si interroga sulle potenzialità dell’asset liability management. A vari livelli di responsabilità si intuisce che le logiche di asset liability management possono affermarsi come il nuovo paradigma di gestione della complessità di una impresa assicurativa. Che cosa è davvero l’asset liability management? Moda o rivoluzione? Non è possibile argomentare su basi scientifiche l’una o l’altra tesi. Mancano ancora analisi empiriche a cui far riferimento. Secondo il mio punto di vista, l’asset liability management potrebbe essere la nuova chiave di lettura del contesto. In questa ottica di interpretazione, l’asset liability management evolve da strumento di monitoraggio dell’equilibrio economico finanziario della Compagnia a strumento di creazione del valore. La creazione del valore, e il suo mantenimento è frutto di una gestione integrata delle attività e delle passività, in grado di valutare e governare variabili ed elementi insieme quantitativi e qualitativi, integrando competenze professionalità e funzioni ad oggi disgiunte e separate da obiettivi e logiche differenti e parziali fra loro contrastanti. Nella prima parte mi sono focalizzato sulle logiche e sulle tecniche dell’Asset liability management. Ho definito i principali requisiti del modello, i limiti e ho descritto quali sono al momento attuale le principali applicazioni in una compagnia.

Tesi di Master

Autore: Giacomo Biasotto Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16340 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.