Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'organizzazione e la gestione delle società di gestione del risparmio

L' elaborato contiene una dettagliata trattazione del mondo delle SGR, la normativa vigente, l'autorizzazione, l'organizzazione e la gestione collettiva ed individuale del risparmio, la vigilanza, le sanzioni ed un caso particolare di una SGR italiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L�oggetto di questa tesi � lo studio della Societ� di Gestione del Risparmio, in seguito SGR, uno degli intermediari del nostro sistema finanziario che negli ultimi anni ha assunto notevole importanza grazie alla variazione della normativa che disciplina l�intermediazione finanziaria, variazione che risponde da un lato alle esigenze di razionalizzazione del comparto relativo alla prestazione dei servizi finanziari, e dall�altro getta le basi per l�ammodernamento del nostro sistema finanziario e l�adeguamento a quelle che sono le Direttive Europee. Con il d.lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998, ovvero il Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, si introduce nel nostro paese un�inedita figura d�intermediario finanziario, specializzata nell�attivit� di gestione del risparmio. Le Societ� di Gestione del Risparmio rappresentano il nuovo veicolo deputato alla gestione per conto terzi di portafogli mobiliari. Queste nuove entit� sono regolamentate da un complesso organico di norme volte a tutelare il risparmiatore e a promuovere l�accentramento di tutte le attivit� di asset management, in precedenza svolte da diversi soggetti all�interno di un singolo gruppo finanziario (banche, societ� di gestione di fondi comuni, SIM). La creazione di una SGR all�interno di un gruppo bancario o finanziario consente, in primo luogo, di razionalizzare i processi produttivi e quindi di sfruttare appieno le economie di scala; in secondo luogo, rafforza i presidi a tutela dell�investitore nel quadro dei possibili conflitti d�interesse, che le diverse attivit� d�intermediazione finanziaria all�interno del gruppo potrebbero generare.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Vincenzo Cialdella Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4636 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.