Skip to content

Fattori meteorologici: impatto su qualità della vita e salute

Informazioni tesi

  Autore: Sirio Cardinale
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Geografia
  Relatore: Sabino Palmieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

Nello sviluppo di questa tesi ci si è sforzati di mettere in evidenza la complessa rete di relazioni che legano la salute umana all’ambiente ed alle variazioni climatiche.
La vita di tutte le specie viventi ed anche di quella umana, è condizionata dalla temperatura, dall’umidità, dal vento, dall’irraggiamento solare e da tutti gli altri fattori che caratterizzano l’ambiente.
Il primo capitolo ha messo in evidenza la risposta del fisico umano alle sollecitazioni derivanti da variazioni della temperatura, dell’umidità, e del vento; nel secondo capitolo si è parlato dell’ambiente montano ed in particolare della complessa interazione dell’organismo umano con le variazioni di pressione atmosferica con la quota. Nel terzo capitolo si è dimostrato come sia fondamentale non sottovalutare gli effetti dell’irraggiamento solare sulla salute umana.
La correlazione tra i decessi e lo stress climatico viene analizzata nel quarto capitolo, evidenziando le differenze che si riscontrano tra Milano, Roma, e Palermo.
L’indice di Thom si è rivelato come un parametro prezioso per rappresentare le condizioni di disagio climatico. Esso ha il vantaggio della semplicità di elaborazione in funzione di temperatura ed umidità, anche se non tiene conto esplicitamente della radiazione solare che ha un impatto notevole nella determinazione delle sensazioni biologiche. Nell’ambito di questo studio è stato introdotto un nuovo parametro rappresentato dai giorni di persistenza di condizioni di stress termico. La persistenza di situazioni critiche ha trovato un riscontro nel numero dei decessi.
Significativo è poi il fatto che la correlazione non sia stata trovata solo in un sito, ma in tre città rappresentative del nord, del centro, e del sud d’Italia. Ciò indica che il fenomeno non è legato ad una realtà locale, ma costituisce una caratteristica generalizzata sull’intero territorio.
Ovviamente la corrispondenza trovata tra i decessi e lo stress climatico deve considerarsi come una prima indicazione da confermarsi con indagini più estese nello spazio e nel tempo. Il nesso di causalità tra lo stress ambientale e la mortalità dovrà essere esplicitato e confermato da studi ulteriori. Altre indagini sono state tentate in particolar modo è stata usata la formula del “windchill” per calcolare il disagio nei mesi invernali.
Purtroppo la mancanza di dati omogenei facilmente reperibili riguardanti la velocità del vento, ha ostacolato l’approfondimento dell’impatto sulla salute di questa importante grandezza che condiziona la perdita di energia del corpo umano attraverso il processo fisico della convezione. Inoltre si è riscontrata qualche difficoltà nell’applicazione della tabella di Sharlau descritta nel primo capitolo, perché non si dispone di una relazione matematica in grado di convertire una gran mole di dati in risultati ben definiti.
L’uomo, nell’ampio spettro delle sue attività, non può fare a meno di tenere presente l’ambiente, non dimenticando la natura e rispettandola al massimo. E’ necessario poi che le organizzazioni governative e le amministrazioni locali comprendano come sia importante disporre di reti di monitoraggio coordinate ed omogenee per il rilevamento dei dati ambientali, perché solo in questo modo la ricerca scientifica sarà in grado di progredire nella comprensione dei complessi processi che coinvolgono l’uomo e l’ambiente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 L’influenza della temperatura, dell’umidità, e del vento sulla salute umana Per comprendere quali siano le implicazioni degli elementi, meteorologici nel settore della salute umana è opportuno cominciare ad analizzare i vari fattori che influiscono sul bilancio termico del corpo umano. Sarà bene considerare quest’ultimo come un motore che necessita di carburante per funzionare. Il calore prodotto dal metabolismo Dopo questa premessa, in conformità a conoscenze già acquisite, si può affermare che un essere umano “normale” (peso 70 kg e superficie totale di circa 2 metri quadrati), quando si trova a riposo astenendosi da qualsiasi attività fisica (per esempio nel sonno), deve perdere 80 kcal/ora; se non riuscisse a dissipare quest’energia la sua temperatura corporea aumenterebbe di circa 1°C/ora. Per una persona che cammina a passo moderato (4-5 km/ora) il calore da dissipare è di circa 200kcaI/ora. Un lavoro fisico molto intenso, come quello di un addetto ai traslochi, arriva a produrre 600kcal/ora. Durante il lavoro muscolare quindi il 70% del calore prodotto costituisce una sorta di “scarto” da dissipare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disagio climatico
indici di tollerabilità
meteorologia
stress termico
irraggiamento solare
pressione atmosferica
indice di thom
indice di diasgio climatico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi