Skip to content

I distretti industriali: un confronto tra l'esperienza italiana e quella francese

Informazioni tesi

  Autore: Rocco Ponzano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Giovanni Battista Pittaluga
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 202

La tesi di Laurea allegata si propone di comparare i due modelli di produzione locale presenti nei sistemi industriali italiano e francese. Una tale ricerca è stata motivata dalla vicinanza geografica tra i due partner transalpini, le cui industrie manifatturiere sono storicamente legate da vivi rapporti di interscambio. In tale prospettiva, identificare dei tratti comuni nelle rispettive forme della produzione locale per reti di PMI può contribuire ad accelerare l’integrazione reciproca ed europea dei due paesi.

Lo studio trova il suo fondamento nella rivoluzione metodologica che ha interessato il campo delle Scienze economiche nel corso degli anni Ottanta: di fronte alla globalizzazione delle relazioni economiche e finanziarie, il territorio, come luogo della produzione industriale, ha infatti cessato di essere considerato come dato esogeno ad ogni modello analitico ed è diventato una variabile economicamente rilevante. Grazie a questo affinamento degli strumenti d’indagine, nuovi spazi produttivi sono emersi e hanno mostrato, al tempo stesso, l’efficacia e la desiderabilità sociale della produzione realizzata localmente da reti di PMI.

Il lavoro analizza i sistemi di produzione locale (i distretti italiani, i systèmes productifs locaux francesi) dal punto di vista delle politiche pubbliche intraprese per farli emergere e per mettere in valore le loro virtù economiche e sociali.

Nella prima parte si analizzano tuttavia i fattori comuni ad ogni sistema di produzione locale: la scelta dell’ordine di presentazione degli stessi è stata fatta sulla base dell’importanza che ciascuno di essi riveste nella produzione locale. Il primo tema è così quello delle “esternalità interne” al sistema produttivo, le quali sono analizzate attraverso i contributi di Alfred Marshall e della scuola di Giacomo Beccattini. Per ordine di priorità seguono poi il tema del “civismo” della comunità locale, affrontato sulla base dello studio sulla “civicness” delle Regioni italiane di Robert Putnam ed infine quello delle relazioni di credito tra attori locali: tale terzo fattore si rifà tanto ai vari contributi sul “credito intrecciato”, tanto agli studi sul “peer-monitoring”.

L’analisi prima delle virtù e dei limiti della politica “dal basso verso l’alto” adottata dalle Autorità italiane, e poi dei successi ed agli errori della politica “dall’alto verso il basso” del Governo francese, è sviluppata nei due capitoli successivi del lavoro. La storia delle due esperienze, dall’individuazione alla creazione dei sistemi produttivi locali, è molto diversa: colpisce in particolare la spontaneità dei distretti italiani di fronte alla costruzione amministrativa –talvolta artificiosa- degli SPL francesi. I punti di contatto tra le due accezioni del modello di produzione locale, tuttavia, non mancano: in particolare, il distretto tecnologico si presenta come una forma di evoluzione possibile tanto per i distretti italiani quanto per quelli francesi.

Le conclusioni che si sono ricavate dal confronto sono interessanti almeno a due livelli. Prima di tutto, si dimostra che il miglior livello di potere pubblico da cui promuovere iniziative di accompagnamento dei distretti è quello delle Regioni: anche se per strade profondamente diverse, tanto in Italia quanto in Francia si è giunti alla conclusione che a tale livello i costi sociali sono minimi, mentre il beneficio per la collettività è significativo. In secondo luogo, non si esclude che anche la Comunità europea possa assumere un ruolo nel favorire la creazione di distretti sul territorio europeo: il perseguimento di tale obiettivo è favorito da ogni politica indiretta che responsabilizza gli attori locali, conferendo alle comunità locali le competenze per affrontare i problemi della tutela ambientale, dell’educazione, della salute pubblica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4L’approccio geografico allo studio dell’economia Le relazioni tra geografia economica ed economia sono state per lungo tempo asimmetriche: da un lato, i geografi hanno sempre attinto volentieri alle nozioni delle differenti scuole economiche; gli economisti, dall’altro, hanno invece a lungo sottostimato il ruolo della geografia nel processo economico. Un esempio può aiutare a motivare tale assunto: consideriamo la Teoria degli scambi. Per i geografi che si occupano di sviluppo regionale, il commercio interregionale è senza dubbio un fattore importante, nella misura in cui l’attitudine di una regione ad esportare beni e servizi costituisce la base della sua crescita economica e dell’impiego locale: essi prendono così a prestito il concetto ricardiano di vantaggio relativo, adattando la teoria economica allo studio del territorio. Gli economisti che studiano i flussi commerciali, al contrario, hanno a lungo avuto come unico punto di riferimento le varie economie nazionali, delle entità in sé accuratamente definite, ma non situate nello spazio: il risultato è un mondo dove le merci si spostano da un punto senza dimensione all’altro, con dei costi di trasporto nulli o al più uniformi. La mancanza di tale sensibilità da parte degli economisti diventa però un problema di fronte a relazioni economiche e commerciali che si globalizzano: senza la mediazione delle economie nazionali, sempre più permeabili ai flussi commerciali, la regolazione è affidata, infatti, a nuovi spazi economici, che non possono essere definiti sulla base di confini politici. Solo accettando l’aiuto della geografia economica si potranno così definire tale nuove entità: avremo così sistemi economici regionali, che sono aree transnazionali, e sistemi economici locali, aree infranazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

civicness
distretti industriali
industrial atmosphere
systèmes productifs locaux
economia politica
giacomo beccattini
alfred marshall
cluster di imprese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi