Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Confronto di protocolli di routing delle richieste per il resource discovery in applicazioni peer-to-peer

Negli ultimi due anni sono nate grandi comunità virtuali di persone che condividono i propri file tramite software come Napster, Gnutella e Morpheus. Tutti questi applicativi si basano su architetture peer-to-peer (p2p). P2p significa che la comunicazione tra le diverse parti del sistema non è mediata da un server. In una rete p2p ogni nodo assume entrambi i ruoli di client e di server.
L’interesse per il p2p si è esteso anche alle aziende, come dimostrano la nascita del P2P Working Group e del progetto JXTA di Sun, che mirano entrambi a definire degli standard per l’implementazione di applicazioni p2p. Esistono, infatti, diversi tipi di architettura p2p, ognuno applicabile a diversi modelli d’uso.
Nello studio qui presentato è preso in considerazione, come modello d’uso, il file-sharing. In questo contesto sono state evidenziate le caratteristiche che possono distinguere le diverse architetture: la gestione della connettività con gli altri nodi, l’algoritmo di ricerca delle risorse e le tecniche utilizzate per trasferirle.
Obiettivo di questo lavoro è stato di analizzare i protocolli per il routing delle ricerche dei file oggetto della condivisione attraverso la rete. Definiti i parametri di qualità, è stato implementato un prototipo in grado di lavorare con diversi protocolli e sono state fatte delle misure sperimentali per confrontare il comportamento delle diverse tecniche di routing rispetto ai parametri individuati.
I risultati ottenuti evidenziano le maggiori mancanze e i punti di forza delle diverse tecniche esaminate.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una diffusione capillare di applicazioni per la condivisione di le che hanno saputo creare comunit di milioni di utenti: prima Napster, poi Gnutella e in ne Morpheus. Questi software, seppur strutturati in maniera piuttosto differente uno dall’altro, hanno una radice comune: si basano su un’architettura peer-to-peer (p2p). P2p let- teralmente signi ca da pari a pari ; in pratica Ł un termine usato per caratterizzare architetture in cui ci sia un’interazione (comunicazione, trasferimento dati, o altro) direttamente tra le parti coinvolte, senza la mediazione di un server. host A host B (a) Client-Server host A host B (b) Peer-to-Peer Figura 1.1: Comunicazione tra due host A e B in un’architettura c/s e in una p2p Il concetto di pari va inteso a livello logico-applicativo; non signi ca, cioŁ, uguali : i dispositivi sici che accedono a un sistema p2p possono essere anche molto diversi fra loro, da una workstation a un palmare a un telefono cellulare. 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Andrea Frittoli Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1502 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.