Skip to content

Analisi delle caratteristiche psicologiche del pilota d'auto e go-kart di successo

Informazioni tesi

  Autore: Jesus Foschi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Vincenzo Natale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

CORRERE IN GO-KART.
ANALISI DELLE CARATTERISTICHE PSICOLOGICHE DEL PILOTA DI GO-KART ED AUTOMOBILE DI SUCCESSO.

Presentata da Jesus Foschi

Il lavoro che ho svolto è una tesi di ricerca che si è proposta di indagare le caratteristiche psicologiche del pilota di go-kart e di automobile di successo.
Vi sono tre domande alle quali ho cercato di rispondere:
Esiste un profilo di personalità che predispone il pilota a conseguire successi sportivi ?
Quali tratti di personalità differenziano il pilota di successo da piloti che abitualmente non conseguono successi sportivi ?
Se tali tratti sono individuabili, quali di questi possono essere influenzabili nella costruzione del campione ?
Ci si è chiesti anche se esista uno stereotipo del pilota di successo nelle valutazioni della gente comune, vedendo quanto questo sia presente anche fra gli esperti del settore kart ed automobilistico.
La procedura della ricerca ha previsto la somministrazione di un test di personalità, l’Adjective Check List (ACL) che indaga 5 aree attraverso la siglatura di 37 scale. Le 5 aree sono: Il modus operandi, i bisogni, scale varie, analisi transazionale, originalità ed intelligenza.
Il campione utilizzato è di 100 soggetti così ripartiti: 26 piloti neofiti, 26 piloti esperti, 8 piloti professionisti, 10 esperti del settore kart ed automobilistico, 30 soggetti comuni. I 3 gruppi di piloti hanno compilato il questionario in senso autodiretto, i 2 gruppi di gente comune ed esperti del settore in senso eterodiretto valutando il pilota di successo ideale.
Le ipotesi della ricerca sono state le seguenti:
a) I piloti professionisti avrebbero presentato punteggi più alti, rispetto ai neofiti, nelle scale bisogno di successo, di esibizione, di autonomia, di dominio, di cambiamento e di perseverare nello sforzo. Avrebbero, inoltre, avuto, punteggi più alti nelle scale: di potenziale per il comando, di fiducia in se stessi, di alta stima di sè, di alta intelligenza e alta originalità, di personalità creativa, di aggressività e di adattamento personale. Avrebbero avuto, invece, punteggi più bassi nelle scale: bisogno di mostrarsi deferente e bisogno di umiliarsi.
b) I piloti esperti avrebbero presentato nelle stesse scale punteggi più alti dei piloti neofiti e, in particolare, avrebbero avuto punteggi significativamente più bassi dei piloti professionisti in alcune scale, che individuiamo come “ingredienti essenziali del campione”.
L’ipotesi a) è stata confermata per le scale: bisogno di successo, di esibizione, di autonomia, di dominio, di aggressione, di perseverare nello sforzo, di potenziale per il comando, di fiducia in sè stessi, di alta stima di sè, di personalità creativa.
Non è stata confermata invece per: bisogno di cambiamento, alta originalità ed alta intelligenza, adattamento personale.
L’ipotesi b) è stata confermata per le seguenti scale: bisogno di perseverare nello sforzo, potenziale per il comando, adulto, genitore critico, bisogno di aggressione, e bisogno di mostrarsi deferente.
Esiste, quindi, un profilo specifico del pilota di successo caratterizzato in modo particolare da tre elementi: bisogno di aggressione, bisogno di mostrarsi deferente e genitore critico in infanzia.
L’unico valore che dipende dalle influenze ambientali è genitore critico, ed è quindi il solo sul quale si può intervenire nella “costruzione del campione”.
È stata verificata l’esistenza dello stereotipo fra la gente comune. Lo stereotipo influenza, in particolare anche gli esperti del settore nelle dimensioni: bisogno di successo, bisogno d’ordine, bisogno di proteggere ed aiutare gli altri, bisogno di essere in relazione con persone dell’altro sesso, bassa originalità e bassa intelligenza e genitore critico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1 VEICOLI E PILOTI 1.1 Introduzione Correre in go-kart….ma cos’è un go-kart ? Il termine è inglese, che tradotto letteralmente significa “carretto che va” (go-karter), abbreviato poi in go-kart. E’ un autoveicolo a quattro ruote di piccole dimensioni, con la parte ridotta al solo telaio e spinto da un motore monocilindrico, privo di carrozzeria e con un sedile posizionato al centro. La disciplina prende il nome di “Kartismo” o “Karting”, praticata come svago o per competizioni sportive su piste permanenti (Kartodromi). Nato in America il go-kart era inizialmente un veicolo senza motore usato per gare in discesa, sbarca in Europa alla fine degli anni ‘50’ e dopo qualche tempo nascono i primi Kartodromi anche in Italia: La Pista D’oro a Roma, la Pista Azzurra a Bologna, la Pista Rossa a Milano e la Pista Happy Valley a Cervia in provincia di Ravenna. Alcune di queste piste ancora oggi vantano manifestazioni importanti in questa disciplina. Nel Karting esistono regolamenti sia sportivi (come per esempio le procedure di partenza in gara, il tipo di ammende per le varie scorrettezze ), che fanno riferimento ai piloti e ai criteri con i quali si svolge la gara, che tecnici ( come per esempio i parametri entro i quali si giudica la conformità del motore, il tipo di omologhe dei telai e le loro scadenze), che fanno riferimento ai veicoli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adjective check list
piloti
psicologia dello sport
automobilismo
go-kart
test di personalità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi