Skip to content

Bartolomeo Vivarini

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Tassoni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Mauro Lucco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 653

La ricerca intende gettare uno sguardo sull’opera di Bartolomeo Vivarini nel contesto della realtà artistica veneta del XV secolo. Viene trattato l’intero catalogo del pittore muranese, dalle prime opere realizzate all’interno della bottega del fratello, nelle quali l’artista si misura con i modi garbati e timidamente rinascimentali di Antonio, fino agli esiti più maturi del settimo e dell’ottavo decennio. Recepita la lezione mantegnesca, Bartolomeo fonde il linguaggio del padovano con la tradizione veneziana contribuendo al rinnovamento della pittura lagunare e reggendo degnamente il confronto con l’astro nascente di Giovanni Bellini. La parabola artistica del giovane Vivarini si conclude con il mesto scadimento in un’arte di maniera, portata avanti con il contributo sempre più massiccio degli allievi, che tuttavia gode di relativa fortuna nei territori di provincia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PARTE I 1. Uno sguardo d�insieme: la pittura a Padova e Venezia verso la met� del XV secolo 1.a. Padova Sconfitta dall�ostilit� di Venezia e dalle armi di Gian Galeazzo Visconti, Padova perde nel 1388 la propria libert� con la cacciata di Francesco il Vecchio, illuminato esponente della famiglia da Carrara, protettore di Francesco Petrarca e generoso mecenate di artisti quali Altichiero, Guariento e Giusto de� Menabuoi. Due anni pi� tardi il figlio Francesco Novello, con l�aiuto di Firenze e Bologna pu� rientrare in citt� da vincitore 1 accolto dalla popolazione in festa; incoraggiato da tanto favore egli tenta riappropriarsi degli antichi confini, ma le sue pretese urtano gli interessi di Venezia che pure, con la propria complice neutralit�, aveva contribuito ad allontanare l�ombra viscontea dalla citt� di Antenore. Nel 1404 i dogi muovono guerra a Francesco Novello e il 21 novembre 1405 Padova si consegna, sconfitta e destinata a rimanere sotto il giogo veneziano per quasi quattro secoli. La sottomissione a Venezia non mortifica tuttavia l�indipendenza della vita culturale cittadina n� muta il ruolo di Padova come testa di ponte nel nord Italia per i fermenti umanistici di origine fiorentina; d�altra parte i legami con il centro toscano erano ormai di lunga data: lo spirito antivisconteo dei da Carrara aveva favorito i rapporti politici e commerciali e assai numerose e qualificate erano state le presenze di artisti fiorentini in citt�. Nel corso del Trecento Giotto e Giusto de� Menabuoi lasciano segni indelebili nella Cappella degli Scrovegni e nel Battistero del duomo 2 , successivamente Cennino Cennini scrive proprio a Padova il suo �Libro dell�Arte o trattato della Pittura� 3 . L�importanza di Padova nello scenario culturale italiano aumenta 1 Per celebrare il proprio trionfo Francesco Novello fa coniare tre medaglie sul modello dell�antico conio romano recanti il suo ritratto e quello del padre (cfr. P. Fortini Brown �Venice and Antiquity: the venetian sense of the past�, New Haven, London, 1996, p. 96). 2 Sull�arte padovana del XIV secolo esiste un recente contributo pubblicato da D. Norman (�Siena, Florence and Padua. Art, Society and Religion 1280-1400�, New Haven, London, 1995). 3 Quasi nulla si sa della sua produzione pittorica: U. Procacci (in M. Muraro �Pitture murali nel Veneto e tecnica dell�affresco�, Venezia, 1960, pp. 63-64) riferisce a lui un affresco

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte medievale
arte rinascimentale
arte veneziana
pittura
rinascimento
storia dell'arte
pittura rinascimentale
storia dell'arte veneta
storia dell'arte italiana
bartolomeo vivarini
pittura veneta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi