Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I manifesti teatrali in Italia tra 1890 e il 1930. Pubblicità d'autore per lo spettacolo teatrale

Descrizione: il lavoro si basa su un’indagine sulla produzione dei manifesti teatrali tra il 1890 e il 1930 c.a., dove vengono messe in rilievo alcune relazioni intercorrenti tra il linguaggio figurativo e quello musicale-teatrale, entro la sfera dell’arte applicata alla grafica paraindustriale. Un ulteriore aspetto dell’indagine è focalizzato sui collegamenti intercorrenti tra l’immagine appartenente al manifesto analizzato e lo spettacolo pubblicizzato, in modo da chiarire il più possibile il contesto nel quale si colloca ogni singola creazione. Il lavoro comprende anche una panoramica sulle varie correnti artistiche pittoriche in Europa e in Italia dal Simbolismo ai primi anni Venti del Novecento; cenni sulle dinamiche e sulla funzionalità del manifesto; una parte dedicata alla fortuna e alla diffusione dei manifesti in Europa e in Italia; uno sguardo generale sul linguaggio espresso nel manifesto teatrale italiano d’autore, ed infine la catalogazione dei manifesti selezionati e i profili biografici degli autori delle tavole presentate. Alcuni nomi tra i più rappresentativi autori sono: A. Hohenstein, L. Metlicovitz, M. Dudovich, L. Bompard, P. Nomellini, G. Palanti, etc.

Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione Questo lavoro intende offrire un’indagine sulla produzione dei manifesti teatrali tra il 1890 e il 1930 c.a., un periodo di massima fecondità creativa nel campo dell’arte applicata alla grafica paraindustriale. Obiettivo fondamentale del lavoro è quello di approfondire le relazioni intercorrenti tra il linguaggio figurativo e quello musicale-teatrale negli anni a cavallo tra Ottocento e Novecento, un periodo storico notevolmente significativo, segnato da processi evolutivi in campo artistico e caratterizzato da profonde mutazioni nel costume e nella società. La ricerca e la raccolta del materiale illustrato è stata effettuata presso il poderoso archivio della Fondazione Nando Salce (1878-1962), al Museo Civico “Luigi Bailo” di Treviso (comprendente 24.580 manifesti). Dopo una visione complessiva dei manifesti teatrali presenti in archivio, la prima operazione è stata quella di selezionare e separare le opere firmate o siglate da quelle anonime, in modo da delineare l’attività dei principali protagonisti di questa particolare produzione. La seconda fase del lavoro si è concentrata sulla ricerca e sulla raccolta dei dati biografici degli autori selezionati. Un terzo momento è quindi consistito in una ricerca ad ampio raggio che ha riguardato le figure dei musicisti, dei librettisti, degli autori letterari delle opere, le circostanze delle rappresentazioni, accenni alle trame delle opere teatrali e gli eventuali rapporti diretti dei cartellonisti con il teatro: il tutto al fine di mettere in relazione il manifesto con lo spettacolo pubblicizzato, in modo da chiarire il più

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maurizio Inverardi Contatta »

Composta da 251 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4883 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.