Skip to content

I distretti industriali e lo sviluppo del Mezzogiorno: il caso del salottificio lucano

Informazioni tesi

  Autore: Anna Venice
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Mariarosaria Garofalo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

Nel dibattito suscitato negli ultimi anni sulla rilevanza dei processi di sviluppo endogeno nelle aree economicamente svantaggiate, un ruolo molto importante è stato assegnato ai sistemi locali. Il loro contributo alle attività economiche appare infatti rilevante in termini di prodotto interno lordo, di occupazione e di esportazione. Fra questi sistemi locali, i più noti sono i “distretti industriali”, anche perché si presentano con una identità forte associata ad elementi del tutto peculiari.
La presenza in un’area di tante imprese dello stesso settore favorisce la formazione di mercati specializzati delle professioni e dei servizi; concorre a formare l’identità dell’area; facilita la sedimentazione di esperienze e know how; mobilita le risorse locali. La maggior parte dei distretti, come è noto, è localizzata nel Nord e nel Centro Italia ma da alcuni anni anche nelle regioni del Sud sono sorti e si sono consolidati distretti tipici del made in Italy appartenenti ai settori del tessile, abbigliamento, calzature.
Come è noto, la Regione Basilicata ospita alcuni di questi casi di sviluppo imprenditoriale diffuso: la produzione di divani a Matera, l’indotto dell’auto a Melfi, la corsetteria di Lavello.
Ho voluto illustrare, innanzitutto, come nell’ambito del sistema competitivo, nazionale e soprattutto internazionale, il distretto industriale possa rappresentare un forte strumento per l’acquisizione di vantaggi competitivi per le imprese rappresentate.
Ho cercato di mostrare come anche la Regione Basilicata abbia compiuto importanti passi in avanti attraverso la legge 1/2001 di “Riconoscimento ed istituzione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali”.
Infine, ho rivolto l’attenzione al caso del salottificio lucano. L’industria dei mobili imbottiti, nell’area delle Murge, zona nota per la scarsa vocazione imprenditoriale, ha manifestato elevati tassi di crescita sul finire degli anni ’80 e agli inizi degli anni ’90, grazie alla capacità di penetrare i mercati esteri.
Ho analizzato le varie fasi della produzione di mobili imbottiti e infine ho rivolto la mia attenzione all’ingresso del commercio elettronico nel distretto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Nel dibattito suscitato negli ultimi anni sulla rilevanza dei processi di sviluppo endogeno nelle aree economicamente svantaggiate, un ruolo molto importante è stato assegnato ai sistemi locali. Il loro contributo alle attività economiche appare infatti rilevante in termini di prodotto interno lordo, di occupazione e di esportazione. Fra questi sistemi locali, i più noti sono i “distretti industriali”, anche perché si presentano con una identità forte associata ad elementi del tutto peculiari. In effetti, secondo la scuola italiana di analisi dello sviluppo locale – affermatasi negli anni Settanta per merito principalmente del gruppo di ricerca facente capo al prof. Becattini – le caratteristiche principali del concetto di distretto industriale fanno riferimento alla presenza, in un ristretto ambito territoriale: di un insieme piccole e medie imprese specializzate nelle diverse fasi di uno stesso processo produttivo; di una rete stabile di relazioni commerciali esterne; di una ben determinata e condivisa cultura locale; di una rete di istituzioni locali che favoriscano l’interazione fra imprese diverse e una compenetrazione fisiologica tra la vita sociale e quella economica. La presenza in un’area di tante imprese dello stesso settore favorisce la formazione di mercati

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

basilicata
distretti industriali
mobili imbottiti
natuzzi
nicoletti
salottifici
triangolo del salotto
distretto del salotto
distretto del mobile imbottito di matera
industria del mobile
mobilifici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi