Skip to content

Xf generazione extraflessibile. Analisi e progetti per giovani nomadi urbani

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Signori
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Architettura
  Corso: Disegno Industriale
  Relatore: Giovanni Cutolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

Manuale di sopravvivenza di un’era instabile e di instabili

Fattore fondamentale per sopravvivere alla società odierna è quella del rapido adattamento a tutto quello che succede attorno a noi. Ai lavoratori viene chiesto di comportarsi con maggiore versatilità, di essere pronti a cambiamenti con breve preavviso, di convincersi che non ci sono più carriere garantite a lungo termine.
Oggigiorno incappiamo in soggetti ansiosi di fare, vedere, sperimentare. La smania di fare -cercando di modellarsi al mercato instabile- la frenesia all’osservazione e all’inseguimento dei fenomeni sociali, la tendenza a buttare tutto e ricominciare da capo, spesso ci spiazza. Come dar torto ad una generazione di “ansiolitici” che spesso a trent’anni si ritrova ancora appesa alla gonna della mamma?
Se da un lato viviamo in un’era dove, grazie alla tecnologia sempre più sofisticata e a portata di “tasca”, siamo liberi di organizzarci il lavoro in modo molto più libero di prima, possiamo tranquillamente lavorare dal letto di casa nostra o dalla spiaggia di Malibù; dall’altra non facciamo a tempo a familiarizzare con una tecnologia che già è vecchia e obsoleta.
La progressiva accelerazione di cui siamo preda, ha prodotto uno sconvolgimento nei processi di produzione, di riproduzione e di mutamento. E spesso ci fa sentire inadeguati alle situazioni che viviamo.
La ricerca condotta mette in luce i controsensi con i quali la categoria degli aspiroadentrareinsocietà si trova a dover convivere.
Partendo da una panoramica degli sviluppi sociali, crisi dei mercati in corso compresa, vengono analizzate le nuove tipologie di lavoro - flessibile e atipico -, lo sviluppo di nuove famiglie - dalle coppie di fatto alle famiglie lunghe, passando per i single - realtà metropolitana sempre più in crescita - e di classificazione di nuovi target di riferimento e consumo - tra Dink, Bobos, Flexecutive, in un groviglio di tipologie in progress.
Il nomade medio è costretto ad accontentarsi di alloggi impersonali (e visti i prezzi di mercato, pure piccoli e con strane situazioni di convivenza). Non ha il tempo di intervenire sull’appartamento, non può fare grandi investimenti per mobili. La sua permanenza è vacillante come il suo contratto di lavoro, e l’acquisto di qualsiasi oggetto che superi le dimensioni di un cd o di un computer portatile è pericolosa visto che rischia di non entrare nella prossima valigia.
Dobbiamo accontentarci dei mobili che la casa già dispone e rispettare la loro rigida monofunzione. Il mercato immobiliare milanese riesce ad affittare a peso d’oro monolocali di qualsiasi metratura. In una situazione così misurata, dove tutto entra ad incastro, come possiamo pensare di riuscire a giocare con il nostro spazio, ma soprattutto con i nostri mobili?
Un occhio di riguardo è per le tendenze in atto, che condizionano i modi di consumare, avere, comportarsi o pregare, seguendo regole di mode e mercato. Una sorta di manuale di comportamento sociale per integrarsi, sentirsi parte di qualche cosa e rivestire qualsiasi gesto compiuto in un tassello di chissà quale schema di comportamento sociale.
Uno scenario dove gli oggetti sono le uniche cose ancora idolatrate. Oggetti come possessi, come comunicatori di ideologie e stili di vita, ingannatori di qualcosa che non siamo ma che vorremmo essere – riferimento alla moda.
Oggetti che ci rappresentano, ma non solo, spesso ci coccolano, ci confortare e proteggono. Cresce l’interesse per una categoria di prodotti che deve parlare con noi, sostenerci, essere mutevole in base alle nostre evoluzioni sociali e pratiche.
Il tema della personalizzazione dei prodotti, negli ultimi anni, ha subito un’impennata notevole andando a coinvolgere i prodotti della moda, del design, addirittura anche quelli del campo automobilistico.
Tutte queste premesse sfociano nell’ideazione di oggetti nomadici, trasformabili e trasportabili, sensibili ai nostri cambiamenti e ai nostri umori. Presenze discrete nelle nostre abitazioni che ci danno la possibilità di giocare con lo spazio e trovare infinite combinazioni e soluzioni di abitabilità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
AAA cercasi giovani (20/35 anni) con una buona vocazione all’instabilità sia a livello di occupazione che di residenza, professionisti del precariato e del contratto atipico. Disponibili a cambi di lavoro repentini, lavoro in gruppo, trasferimenti frequenti. Si richiede obbligatoriamente un inglese perfetto, più altra lingua (tedesco, francese, giapponese - tutte e tre è meglio). Master, corso post-laurea, esperienze lavorative nel settore. Fondamentale non avere sogni a lunga scadenza o aspirare a progetti più lunghi dei sei mesi. Si ricercano persone altamente motivate e dinamiche, instancabili creativi, brillanti ed entusiasti, con forti interessi extra lavoro, maestri d’eclettismo e di adattabilità. Tassativo essere giovani, veloci, informati e informali. Bella presenza, (che non guasta mai). Astenersi perditempo e indecisi (o impauriti). Manuale di sopravvivenza di un’era instabile e di instabili Fattore fondamentale per sopravvivere alla società odierna è quella del rapido adattamento a tutto quello che succede attorno a noi. Ai lavoratori viene chiesto di comportarsi con maggiore versatilità, di essere pronti a cambiamenti con breve preavviso, di convincersi che non ci sono più carriere garantite a lungo termine. Oggigiorno incappiamo in soggetti ansiosi di fare, vedere, sperimentare. Oggi sono web- designer, domani consulenti aziendali e dopodomani chissà. La smania di fare -cercando di modellarsi al mercato instabile- la frenesia all’osservazione e all’inseguimento dei fenomeni sociali, la tendenza a buttare tutto e ricominciare da capo, spesso ci spiazza. Nel cambiamento e nell’inseguimento di determinate posizioni, non si conoscono i rischi a cui si va incontro e tutte le volte è un po’ come ricominciare da capo. Come dar torto ad una generazione di “ansiolitici” che spesso a trent’anni si ritrova ancora appesa alla gonna della mamma? Se da un lato viviamo in un’era dove, grazie alla tecnologia sempre più sofisticata e a portata di “tasca”, siamo liberi di organizzarci il lavoro in modo molto più libero di prima, possiamo tranquillamente lavorare dal letto di casa nostra o dalla spiaggia di Malibù, continuando ad essere “connessi” con il resto del mondo; dall’altra non facciamo a tempo a familiarizzare con una tecnologia che già è vecchia e obsoleta. Sentendoci sempre un passo indietro. La progressiva accelerazione di cui siamo preda, ha prodotto uno sconvolgimento nei processi di produzione, di riproduzione e di mutamento. Ciò che era lento ha iniziato ad accelerare ed è arrivato ad un punto in cui la velocità della trasformazione è tale da incrinare la solidità del mondo che percepiamo. E spesso ci fa sentire inadeguati alle situazioni che viviamo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi