Skip to content

Il concetto di Ubermensch nella filosofia di Friedrich Nietzsche

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Rasicci
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Paolo D'alessandro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

Tuttavia, stando a quanto detto finora, si deve precisare che l’Übermensch è solo quel particolare tipo di uomo superiore che riesce a sopportare questo pensiero, e per questo motivo è preferibile la traduzione di “Superuomo” a quella di “Oltreuomo”, che invece può essere usata per definire tutta l’umanità che vive dopo il grande meriggio. Dunque non basta dire che l’Übermensch riesce a sopportare, a differenza degli altri uomini, questo pensiero, nè che egli è il solo beato all’idea dell’eterno ritorno, perchè, come si è visto nell’ultimo paragrafo, anche il piccolo uomo può riuscirci senza troppe difficoltà. E’ per questo che serve specificare che egli nascerà soltanto da un popolo eletto, perchè non è importante solo la redenzione dalla vendetta, ma anche chi viene redento da essa, quale volontà è quella che deve essere redenta per poter essere libera di creare l’Übermensch..... Il superamento dell’uomo, l’Übermensch, corrisponde certamente alla sua redenzione, ma questa è la redenzione degli uomini superiori, dei creatori dei valori, e, nel momento in cui vengono redenti dallo spirito di vendetta quegli uomini che creano i nuovi valori per tutta l’umanità, allora si può dire che anche l’uomo in un certo senso è stato superato.
Questo avviene però soltanto in un tempo lunghissimo, e attraverso un’assimilazione graduale del pensiero che procede attraverso le generazioni, perchè l’eterno ritorno non può trasformare la volontà se non diventa prima il pensiero dominante tra i tutti pensieri. La volontà di potenza dell’uomo deve essere trasformata dal pensiero dell’eterno ritorno, e questo è possibile perchè essa, in quanto volontà, è fin dall’inizio determinata da qualche pensiero e perchè, come si è visto nel secondo capitolo, gli istinti educati possono venir trasmessi in eredità ai propri figli. Per Nietzsche il pensiero, e quindi anche il modo di considerare il tempo, entra in maniera essenziale nei meccanismi della volontà ed è determinante per la vita dell’uomo ancor più delle condizioni ambientali esterne. Poichè l’uomo non può vivere senza una qualche concezione del tempo, tanto vale che egli si scelga quella che preferisce, e la scelta di vivere con la fede nell’eterno ritorno dell’uguale è giustificata dal fatto che solo questa concezione consente di liberare veramente la volontà di potenza dell’uomo dallo spirito di vendetta.
Il compito degli eletti, in relazione all’eterno ritorno, è allora quello di preparare un uomo che riesca a sopportare il pensiero, di creare un essere felice che voglia rivivere la stessa identica vita, e potranno riuscirci solo se prima avranno educato la loro volontà con questo pensiero e cercato di trasformare se stessi. Alla fine l’Übermensch rappresenta l’uomo superiore, cioè il creatore, redento dallo spirito di vendetta, che ormai non nega più e riconosce non solo l’innocenza del divenire, ma accetta anche tutto quello che l’uomo è stato. Nella più chiara descrizione possibile dell’Übermensch che è stata pubblicata dopo Così parlò Zarathustra, in quanto l’ideale dionisiaco della pienezza della vita viene messo direttamente in relazione col pensiero dell’eterno ritorno dell’uguale, si dice più o meno la stessa cosa:
l’ideale dell’uomo più spavaldo, più pieno di vita e più affermatore del mondo, il quale non soltanto si è rassegnato e ha imparato a sopportare ciò che è stato e ciò che è, ma vuole riavere, per tutta l’eternità, tutto questo, così come esso è stato ed è, gridando insaziabilmente: da capo…

E’ chiaro che qui si corre il rischio di raggiungere di nuovo l’ultimo uomo, un rischio calcolato dal momento che Nietzsche stesso afferma di averli creati nello stesso momento. Dunque, per non essere una fine come l’ultimo uomo, ma un inizio e la via verso un nuovo mattino dell’umanità, l’Übermensch dovrà essere per forza un creatore, anche al di là della fede e del desiderio dell’eterno ritorno. Nell’ultimo capitolo si è visto che occorrono moltissimi anni perché questo pensiero riesca a diventare la fede dominante del popolo eletto, ma, se esso diventa una fede, allora ricade nuovamente nella fissità, cioè diventa la “verità” di quel popolo. Quello che è stato uno degli argomenti del secondo capitolo, la ribellione dell’Übermensch nei confronti della sua casta di appartenenza, ci permette di andare ancora oltre, e di stabilire che, se l’eterno ritorno è la fede del popolo eletto, con la quale esso deve lottare, non lo sarà più dell’Übermensch, perché nessun creatore può essere soggetto a una fede.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Lo scopo della tesi è analizzare il significato del concetto di Übermensch all’interno della filosofia di Nietzsche, e individuare l’elemento decisivo che lo caratterizza. Questa necessità deriva dal fatto che, a più di un secolo di distanza dalla morte del filosofo e nonostante il lavoro di tanti interpreti, l’annuncio dell’Übermensch da parte di Zarathustra rimane ancora qualcosa di estremamente incerto, non delineato, al di là di una linea di tendenza al superamento dell’uomo attuale. L’intento di questo lavoro è utilizzare alcune di queste interpretazioni per far luce sui passaggi cruciali di Così parlò Zarathustra e dei frammenti postumi relativi all’ultimo decennio della produzione di Nietzsche, ma sempre rimanendo all’interno della sua concezione del mondo e dell’uomo. Nella storia dell’interpretazione del concetto di Übermensch si possono individuare due linee di interpretazione fondamentali. Per la prima di esse Nietzsche continua il vecchio progetto di articolare un ideale umano secondo l’idea della perfettibilità, anche se ci sono almeno tre modi diversi di intendere come avverrà il superamento. Alcuni interpreti che seguono la teoria evolutiva fanno riferimento al perfezionamento biologico dell’uomo, o anche all’idea di una qualche mutazione fondamentale che possa produrre un’altra specie superiore accanto a quella umana 1 . L’interpretazione nazionalsocialista può rientrare in questo ambito, anche se si dovrebbe usare il termine di mistificazione, in quanto non sono stati presi in considerazione tutti i concetti fondamentali della filosofia di Nietzsche, ma solo quelli che servivano a confermare una scelta già decisa in 1 Su questa linea ci sono autori come G. Simmel e H. Vaihinger.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eterno ritorno
superuomo
trasvalutazione
friedrich nietzsche
oltreuomo
superomismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi