Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di Ubermensch nella filosofia di Friedrich Nietzsche

Tuttavia, stando a quanto detto finora, si deve precisare che l’Übermensch è solo quel particolare tipo di uomo superiore che riesce a sopportare questo pensiero, e per questo motivo è preferibile la traduzione di “Superuomo” a quella di “Oltreuomo”, che invece può essere usata per definire tutta l’umanità che vive dopo il grande meriggio. Dunque non basta dire che l’Übermensch riesce a sopportare, a differenza degli altri uomini, questo pensiero, nè che egli è il solo beato all’idea dell’eterno ritorno, perchè, come si è visto nell’ultimo paragrafo, anche il piccolo uomo può riuscirci senza troppe difficoltà. E’ per questo che serve specificare che egli nascerà soltanto da un popolo eletto, perchè non è importante solo la redenzione dalla vendetta, ma anche chi viene redento da essa, quale volontà è quella che deve essere redenta per poter essere libera di creare l’Übermensch..... Il superamento dell’uomo, l’Übermensch, corrisponde certamente alla sua redenzione, ma questa è la redenzione degli uomini superiori, dei creatori dei valori, e, nel momento in cui vengono redenti dallo spirito di vendetta quegli uomini che creano i nuovi valori per tutta l’umanità, allora si può dire che anche l’uomo in un certo senso è stato superato.
Questo avviene però soltanto in un tempo lunghissimo, e attraverso un’assimilazione graduale del pensiero che procede attraverso le generazioni, perchè l’eterno ritorno non può trasformare la volontà se non diventa prima il pensiero dominante tra i tutti pensieri. La volontà di potenza dell’uomo deve essere trasformata dal pensiero dell’eterno ritorno, e questo è possibile perchè essa, in quanto volontà, è fin dall’inizio determinata da qualche pensiero e perchè, come si è visto nel secondo capitolo, gli istinti educati possono venir trasmessi in eredità ai propri figli. Per Nietzsche il pensiero, e quindi anche il modo di considerare il tempo, entra in maniera essenziale nei meccanismi della volontà ed è determinante per la vita dell’uomo ancor più delle condizioni ambientali esterne. Poichè l’uomo non può vivere senza una qualche concezione del tempo, tanto vale che egli si scelga quella che preferisce, e la scelta di vivere con la fede nell’eterno ritorno dell’uguale è giustificata dal fatto che solo questa concezione consente di liberare veramente la volontà di potenza dell’uomo dallo spirito di vendetta.
Il compito degli eletti, in relazione all’eterno ritorno, è allora quello di preparare un uomo che riesca a sopportare il pensiero, di creare un essere felice che voglia rivivere la stessa identica vita, e potranno riuscirci solo se prima avranno educato la loro volontà con questo pensiero e cercato di trasformare se stessi. Alla fine l’Übermensch rappresenta l’uomo superiore, cioè il creatore, redento dallo spirito di vendetta, che ormai non nega più e riconosce non solo l’innocenza del divenire, ma accetta anche tutto quello che l’uomo è stato. Nella più chiara descrizione possibile dell’Übermensch che è stata pubblicata dopo Così parlò Zarathustra, in quanto l’ideale dionisiaco della pienezza della vita viene messo direttamente in relazione col pensiero dell’eterno ritorno dell’uguale, si dice più o meno la stessa cosa:
l’ideale dell’uomo più spavaldo, più pieno di vita e più affermatore del mondo, il quale non soltanto si è rassegnato e ha imparato a sopportare ciò che è stato e ciò che è, ma vuole riavere, per tutta l’eternità, tutto questo, così come esso è stato ed è, gridando insaziabilmente: da capo…

E’ chiaro che qui si corre il rischio di raggiungere di nuovo l’ultimo uomo, un rischio calcolato dal momento che Nietzsche stesso afferma di averli creati nello stesso momento. Dunque, per non essere una fine come l’ultimo uomo, ma un inizio e la via verso un nuovo mattino dell’umanità, l’Übermensch dovrà essere per forza un creatore, anche al di là della fede e del desiderio dell’eterno ritorno. Nell’ultimo capitolo si è visto che occorrono moltissimi anni perché questo pensiero riesca a diventare la fede dominante del popolo eletto, ma, se esso diventa una fede, allora ricade nuovamente nella fissità, cioè diventa la “verità” di quel popolo. Quello che è stato uno degli argomenti del secondo capitolo, la ribellione dell’Übermensch nei confronti della sua casta di appartenenza, ci permette di andare ancora oltre, e di stabilire che, se l’eterno ritorno è la fede del popolo eletto, con la quale esso deve lottare, non lo sarà più dell’Übermensch, perché nessun creatore può essere soggetto a una fede.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Lo scopo della tesi è analizzare il significato del concetto di Übermensch all’interno della filosofia di Nietzsche, e individuare l’elemento decisivo che lo caratterizza. Questa necessità deriva dal fatto che, a più di un secolo di distanza dalla morte del filosofo e nonostante il lavoro di tanti interpreti, l’annuncio dell’Übermensch da parte di Zarathustra rimane ancora qualcosa di estremamente incerto, non delineato, al di là di una linea di tendenza al superamento dell’uomo attuale. L’intento di questo lavoro è utilizzare alcune di queste interpretazioni per far luce sui passaggi cruciali di Così parlò Zarathustra e dei frammenti postumi relativi all’ultimo decennio della produzione di Nietzsche, ma sempre rimanendo all’interno della sua concezione del mondo e dell’uomo. Nella storia dell’interpretazione del concetto di Übermensch si possono individuare due linee di interpretazione fondamentali. Per la prima di esse Nietzsche continua il vecchio progetto di articolare un ideale umano secondo l’idea della perfettibilità, anche se ci sono almeno tre modi diversi di intendere come avverrà il superamento. Alcuni interpreti che seguono la teoria evolutiva fanno riferimento al perfezionamento biologico dell’uomo, o anche all’idea di una qualche mutazione fondamentale che possa produrre un’altra specie superiore accanto a quella umana 1 . L’interpretazione nazionalsocialista può rientrare in questo ambito, anche se si dovrebbe usare il termine di mistificazione, in quanto non sono stati presi in considerazione tutti i concetti fondamentali della filosofia di Nietzsche, ma solo quelli che servivano a confermare una scelta già decisa in 1 Su questa linea ci sono autori come G. Simmel e H. Vaihinger.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emanuele Rasicci Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10916 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.