Skip to content

Lo Stadio Comunale di Firenze: analisi critica e progetto per una nuova copertura delle tribune

Informazioni tesi

  Autore: Emiliano Di Giambattista
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Francesco Cellini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

...all’ultima volontà architettonica di Nervi sul suo gioiello, si tratta di un progetto che risale al 1950, cioè ben venti anni dopo la realizzazione dello Stadio Berta; Pier Luigi Nervi presentò una proposta di ampliamento dello Stadio prevedendo un anello superiore che si collocava sulle gradonate dalla parte della torre di Maratona e nelle curve; questa idea in realtà era già presente nella mente di Nervi quando realizzò lo Stadio tantoché le strutture di suddette gradonate furono armate proprio con la previsione di una sovrastruttura. Inoltre aveva previsto delle gradonate sui parterre, a ridosso della pista di atletica ;questo intervento avrebbe aumentato la capienza di circa 15-16000 posti a sedere facendo arrivare la capienza totale a circa 50.000 posti. Il progetto non fu mai realizzato e l’intervento successivo di una certa consistenza fu proprio quello per i mondiali di calcio del 1990.
La proposta che io faccio consiste nella creazione di una nuova copertura sull’anello che Nervi voleva innalzare e nella sostituzione delle due pensiline costruite nel 1990; la proposta di costituire un secondo anello sarebbe ad oggi abbastanza improbabile in quanto si arriverebbe ad una capienza eccessiva per il bacino d’utenza dello stadio; con i parterre costruiti nel ‘90 sono stati infatti aggiunti altri 12.000 posti, pochi meno di quelli previsti da Pier Luigi Nervi nel secondo anello.La nuova copertura vuole collocarsi proprio al posto dell’anello progettato da Nervi cercando di ripeterne il più possibile la struttura ma con un materiale diverso, l’acciaio.Si propone a tal punto di ridonare tale lucentezza anche alle parti che furono verniciate, come i corrimano e tutta la sottostruttura delle curvette di collegamento realizzata per aggiungere posti a sedere.Una ripresa fedele della struttura sarebbe impossibile in quanto ci sarebbero grandi problemi di visibilità del campo di gioco e per questo motivo si sostituisce un appoggio con un tirante esterno al perimetro delle gradonate; questo tirante è verticale per tutto il perimetro tranne che nella parte della tribuna Maratona, in cui la presenza di locali sotterranei impone l’utilizzo di tiranti inclinati. Le scelte fatte nella struttura della copertura sono tutte quante mirate ad ottenere un risultato più possibile minimalista, per questo si è pensato a pilastri a sezione circolare, a tiranti in barre di acciaio e ad una pannellatura dal colore tenue a volersi mimetizzare col cielo. Discorso a parte merita la copertura pensata per le tribune adiacenti alla tribuna principale; si è riutilizzato il principio strutturale delle coperture attuali, ma rispetto ad esse sono state osservate due accortezze: la prima è quella di fare una copertura con pannelli trasparenti in PVB, la seconda è quella di non mettere le due ali allo stesso livello della pensilina originale ma di fare in modo che siano rialzate rispetto ad essa e vi si sovrappongano per un breve tratto. La copertura trasparente è stata pensata poichè nel ragionamento logico seguito fino adesso, quelle due porzioni di tribuna dovrebbero essere prive di copertura, ma qui la logica ha per forza di cose superato il principio architettonico e non potendo quindi lasciare scoperti due pezzi di tribuna coprendo le due curve, si è arrivati ad un compromesso affascinante ed allo stesso tempo funzionale. Il distacco da quella originale di Pier Luigi Nervi è dovuto al fatto che queste nuove pensiline hanno il compito materiale di coprire le tribune sottostanti, ma anche e soprattutto quello più concettuale di preservare il monumento architettonico su cui poggiano. In questo modo tutto l’impianto originale dà l’idea di mantenere il suo carattere e soprattutto le proporzioni con il quale è stato progettato; l’abbassamento del terreno di gioco, pur sacrificando la pista di atletica e gli spazi per le altre discipline olimpiche, rimane invariato per dare ancora di più la sensazione , guardando dall’interno, di essere circondati come da gradonate sospese e la nuova copertura deve essere percepita proprio come sospesa nell’aria, che vuole passare inosservata finché non si alzano gli occhi al cielo, dando l’idea di una nuvola con le forme delle tribune dello Stadio Comunale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 LO STADIO COMUNALE “GIOVANNI BERTA” ,1930 Progetto di Pier Luigi Nervi Lo sport, divenuto impareggiabile strumento di propaganda politica, cominciò ad essere inquadrato come uno dei settori della politica sociale fascista. Il partito, attraverso le istituzioni statali, accrebbe le strutture preposte alla sua gestione generando uffici speciali nei Ministeri, dipartimenti nella Presidenza del Consiglio, enti come l'Opera Nazionale Balilla, la Gioventù Italiana del Littorio, l'Opera Nazionale Dopolavoro e anche il C.O.N.I., che da struttura privata divenne un ente pubblico e fu potenziato fino alla sua introduzione nella struttura del Partito Nazionale Fascista. Nel periodo compreso fra la fine degli anni '20 ed i primi anni '30 si assisté al boom del gioco del calcio ed il regime, che già stava impostando una precisa politica sportiva collegandola al problema dell'educazione fisica e della militarizzazione della gioventù italiana, moltiplicò gli interventi edilizi spettacolari, costruendo anche gli stadi. Nel 1927 fu inaugurato lo stadio di Bologna, nel 1930 l'architetto fiorentino Fagnoni progettò lo stadio comunale di Torino, mentre nel concorso per lo stadio di Firenze si affermò un ingegnere impresario di Sondrio, Pier Luigi Nervi, alla sua prima importante prova a livello nazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

impianti sportivi
pier luigi nervi
stadio comunale di firenze

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi