Skip to content

Activa, sistema di immobilizzazione per traumatizzati con sospetta lesione vertebrale

Informazioni tesi

  Autore: Marco Mastrorilli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Architettura
  Corso: Disegno Industriale
  Relatore: Antonio Macchi Cassia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

In seguito a traumi si possono verificare movimenti temporanei o permanenti dei segmenti ossei che compongono la colonna vertebrale, con la conseguente riduzione del diametro del canale spinale. Questa è la motivazione per cui vengono attuate procedure di immobilizzazione: ogni movimento può provocare variazioni del diametro del canale vertebrale, ridurre lo spazio disponibile al midollo spinale e aumentare il rischio di lesione di quest’ultimo.
Il trattamento da parte del personale dell’ambulanza mira a stabilizzare le lesioni esistenti e a garantire il trasporto in sicurezza verso una struttura ospedaliera.
L’immobilizzazione permette di diminuire il dolore del traumatizzato, riduce i rischi di lesioni vascolari o nervose secondarie, nonché danni ai tessuti molli, limita il pericolo di embolie che possono verificarsi, disagio per il paziente.
Il sistema di immobilizzazione Activa permette di assorbire e distribuire uniformemente i carichi e gli effetti degli urti e consente un’efficace stabilizzazione dei segmenti ossei a seguito di un trauma. Inoltre è in grado di ridurre gli effetti dannosi derivanti dalle vibrazioni prodotte dal mezzo di soccorso.
Il progetto sfrutta la temperatura di transizione vetrosa oltre la quale il polimero, con cui è realizzato, passa da uno stato rigido e duro ad uno in cui è flessibile e gommoso. Mediante una resistenza elettrica, l’immobilizzatore viene riscaldato dalla temperatura ambiente fino a 65°C. L’azione congiunta del polimero reso flessibile e di alcune cinghie di regolazione, permettono al supporto di aderire e conformarsi al corpo del paziente. In questo modo Activa, raffreddandosi in pochi minuti, viene a costituire una massa unica con il corpo del traumatizzato.
Per produrre calore Activa usa una resistenza in rame posta all’interno del polimero ed in grado di fornire il calore necessario in tempi inferiori a 300 sec., sviluppando una potenza di 1200W. L’energia elettrica occorrente viene ricavata collegandosi con la normale rete o in alternativa con una coppia di accumulatori da 12V collegati in serie.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il trauma per la sua natura intrinseca è un evento imprevedibile, che mal si assoggetta ad un’opera di prevenzione e profilassi e che può colpire l’uomo a qualsiasi età, in ogni aspetto della sua normale vita privata e di relazione. È un’evenienza che nel giro di pochi secondi può privare chiunque di uno stato di perfetta salute e renderlo invalido per tutta la vita, se non addirittura condurlo alla morte. Nel mondo occidentale i traumi rappresentano la prima causa di morte nel gruppo di età compresa tra 1 e 45 anni e determinano nella fascia di età compresa tra 1 e 34 anni, una perdita di anni di vita produttiva superiore a quella dovuta ad eventi cardiovascolari e tumorali, per non parlare dei casi di invalidità permanente. Tutto ciò comporta oltre ad un alto costo umano, un costo sociale ele- vato sia in termini di spese di gestione dei pazienti (diagnosi, interventi terapeutici e riabilitativi, etc.) che di ore lavorative perse. Lo scaricarsi dell'energia traumatica sul corpo della persona causa le- sioni in un attimo, il trattamento del traumatizzato ha inizio al momento dell'incidente e termina, nei casi più favorevoli, (talora anche dopo mesi di interventi) con il ritorno della persona alla normale attività lavo- rativa precedente all'incidente. Gli incidenti stradali costituiscono la causa più importante di traumi con una incidenza, in alcune zone, superiore al 60%, seguono in per- centuale minore gli infortuni sul lavoro, gli incidenti domestici, gli infor- tuni nel tempo libero (attività sportive), infine i traumi da armi da fuoco o arma bianca. Le ragioni di una tale incidenza degli incidenti stradali sono da ricer- carsi nelle abnormi sollecitazioni cui è sottoposto il corpo umano a se- guito di un urto automobilistico. L’urto frontale di un’auto che viaggia a

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

colonna vertebrale
design
immobilizzazione
plastica
polimeri
transizione vetrosa
traumatizzati
lesioni vertebrali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi