Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione della nuova università come azienda-rete professionale. Una proposta per la promozione del corso di laurea in Comunicazione Pubblicitaria

Il lavoro che segue, oltre ad introdurre brevemente, da un punto di vista storico, l’evoluzione organizzativa dell’università, mira ad illustrare il ruolo di crescente rilevanza che il marketing relazionale e le attività di comunicazione ricoprono nella moderna concezione di questa istituzione.
Sarà dunque analizzato l’orientamento delle università italiane in questo contesto, fornendo alcuni esempi di comunicazione messe in atto per l’anno 2002 dai vari atenei; infine, sarà illustrata una proposta per la campagna promozionale del corso di laurea in Comunicazione Pubblicitaria di Pesaro, consistente in un manifesto e un pieghevole ideato dalla studentessa Valentina Mandozzi, in collaborazione con il collega Alessio Trippetta, allo scopo di analizzare i punti chiave da mettere a fuoco durante un’operazione di questo tipo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Ciò che sta accadendo in Italia da qualche anno a questa parte, in seguito a notevoli cambiamenti a livello economico-sociale e all’entrata dell’Italia nella Comunità Europea, è un progressivo, ma soprattutto inedito, mutamento di una delle istituzioni che in passato avevano maggiormente goduto di stabilità interna: l’Università. Tale istituzione, infatti, ha sempre mantenuto un rapporto particolare con la storia, con il tempo e con la società, facendosi spesso custode e generatrice incontestabile di un sapere che continua a costruire le basi della cultura condivisa; è solo recentemente, e in parte a seguito della riforma universitaria voluta dal ministro Zecchino, che ha iniziato a superare la sua caratteriale chiusura nei confronti degli input provenienti dalla società esterna, per aprirsi e progressivamente uscire da quell’immagine di Vecchia Signora che, nel tempo, si è venuta creando. Nel farlo, si trova a doversi confrontare con una realtà competitiva e concorrenziale più simile all’universo aziendale che a quello accademico e, di conseguenza, un corposo numero di atenei si sta adeguando a questa nuova situazione, elaborando strategie di comunicazione e organizzative molto vicine al marketing relazionale e strategico. L’obiettivo che porterò avanti è, dunque, tracciare i fattori che hanno portato ad introdurre tale orientamento nelle università italiane, riducendo il loro processo evolutivo a tre principali stadi, per poi analizzare l’effettivo cambiamento dal punto di vista organizzativo e comunicazionale, grazie all’adozione di un’ottica aziendale. Sarà tralasciata l’analisi dell’iter legislativo e amministrativo di tale riforma universitaria, la cui attuazione andrebbe inserita, a livello comunitario, in un’ottica di adeguamento al resto dell’Europa, ma solo per lasciare maggiore spazio a considerazioni riguardo alle operazioni di comunicazione, che diventano oggi uno strumento strategico per far

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Valentina Mandozzi Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3550 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.