Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di dati su tipologie religiose e culturali a Roma

Il lavoro svolto nella tesi in oggetto raccoglie analisi e riflessioni sulla società contemporanea con particolare riguardo alle principali tendenze culturali e religiose prevalenti.
L’ipotesi sottoposta a verifica empirica, è la tesi da più parti avanzata, secondo cui l’Italia al pari delle nazioni più industrializzate e moderne, stia procedendo verso un inarrestabile declino, afflitta da un grave processo di secolarizzazione, inteso come perdita dell’influenza sociale della religione.
Le elaborazioni sono state svolte sulla base di un questionario-dati sottoposto ad un campione di 700 soggetti di età compresa fra i 18 ed i 74 anni, nell’ambito della provincia di Roma.
Nel primo capitolo della tesi, il fenomeno della religiosità è stato analizzato con esclusivo riferimento al territorio nazionale italiano: attraverso un approccio diacronico, è stato approfondito l’aspetto dell’unità italiana dal punto di vista religioso ed il raggiunto livello di secolarizzazione.
Nel secondo capitolo è stata realizzata una ricognizione, la più completa possibile, delle principali tendenze culturali e religiose limitatamente alla provincia di Roma, analizzando le dimensioni costitutive della religiosità (credenza, appartenenza, pratica religiosa).
Nel terzo capitolo della tesi, in riferimento allo stesso ambito territoriale romano, è stato ritenuto opportuno dedicare una trattazione particolareggiata all’analisi del rapporto fra cattolici e politica, nell’intento di verificare se la secolarizzazione in atto abbia colpito il mondo cattolico anche in relazione alle scelte in campo politico.
Le evidenze empiriche della ricerca hanno mostrato che la religiosità fa registrare segni di tenuta, seppur fra contraddizioni ed ambivalenze.
In sintesi, è emersa la tendenza ad esprimere la religiosità attraverso forme più soggettive ed eventualmente distanziandosi dai precetti della Chiesa cattolica.
Riguardo al rapporto del mondo cattolico con la politica, esso ha mostrato segni di inconfutabile apertura nei confronti della pluralità delle scelte partitiche; l’unità politica dei cattolici, che dal periodo del dopoguerra fino a Tangentopoli ha avuto come punto di riferimento un solo partito cristiano(quello della DC), sembrerebbe finita.
Tuttavia la ricerca ha rilevato un particolare gruppo di cattolici, quello cioè dei professanti, che pur disdegnando l’opzione di scelta di un solo partito cristiano, mostra di ricercare quei partiti che, anche indipendentemente dall’ispirazione ideologica, dimostrino rispetto per i valori della tradizione cristiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il lavoro svolto nella presente tesi raccoglie analisi e riflessioni sulla società contemporanea con particolare riguardo alle principali tendenze culturali e religiose prevalenti. L'ambito territoriale-spaziale che è stato fatto oggetto di rilevamento è quello di una realtà metropolitana del Centro d'Italia quale è quella di Roma, ma ciò non ha impedito l'assunzione di un'ottica a più ampio raggio dei fenomeni considerati, nonché l'utilizzo di un non insolito connubio fra l'applicazione di metodi statistici ed un approccio sociologico. Si è ritenuto opportuno effettuare lo studio della religiosità e di altri atteggiamenti ad essa afferenti, attraverso un approccio diacronico facendo riferimento a ricerche svolte in precedenti anni per dare conferma, o per smentire, l'ipotesi secondo la quale l'Italia, al pari delle altre nazioni industriali avanzate, stia

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Marilena Fantini Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1355 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.