Skip to content

Il calcio in Italia: un'analisi econometrica

Informazioni tesi

  Autore: Nazzareno Maurizi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Paolo Mancuso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 35

Nel momento in cui la scienza economica ha iniziato ad interessarsi in maniera concreta allo sport si può introdurre la distinzione fra dilettantismo e professionismo, cioè il passaggio dalla fase eroica, caratterizzata dalla passione, dal sacrificio e dalla vittoria quale ricompensa morale del competere, alla fase in cui le attività sportive vengono considerate alla stregua di normali attività produttive, in cui gli atleti diventano i fattori della produzione, la competizione costituisce il bene offerto sul mercato, gli spettatori rappresentano i consumatori, le società di appartenenza interpretano il ruolo del datore di lavoro. Si può quindi cercare, in prima istanza, di considerare lo sport professionistico - quello di squadra e il calcio in particolare – nell’ottica di un’impresa produttiva, attraverso una riduzione delle componenti che lo contraddistinguono alla logica economica, mediante l’applicazione dei familiari concetti di prodotto e fattori produttivi, costi e ricavi, profitti e perdite, mercato.
Gli sport professionistici di squadra analizzati secondo la teoria economica dell’impresa, in quanto finalizzati, come questa, alla produzione di beni (partite), mediante un uso appropriato e congiunto di fattori (giocatori) razionalmente organizzati in squadre; beni che vengono ceduti di volta in volta ai consumatori (spettatori) direttamente o tramite strumenti audiovisivi.
Il calcio in particolare si i concretizza in esercizio di attività economica in pratica dal 1870, quando le società inglesi e scozzesi iniziarono a recintare il terreno di gioco, a far pagare il biglietto per assistere allo spettacolo e soprattutto a corrispondere un salario ai propri giocatori (in Italia all’inizio del Novecento non si può parlare, almeno ufficialmente, di compensi erogati agli atleti, come si può desumere da un bilancio relativo alla partita disputatasi tra Genoa e Torino il 6 gennaio 1898).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE In un libro del 1992, �Olimpia e i suoi sponsor�, K.W.Weeber, attraverso una precisa e documentata analisi storica, assesta un colpo mortale al mito di Olimpia. Si smentisce la convinzione secondo cui la motivazione degli atleti greci era il �piacere di gareggiare�, di �misurare se stessi per amor di vittoria�, gi� dall�etimologia del nome applicato al protagonista delle attivit� sportive. Atleta deriva da athlon = premio per la gara, ricompensa. Alla philotimia cio� �il desiderio di gloria�, si affianca e si sostituisce il desiderio di vincere premi concreti e preziosi, anche in denaro. Nel sesto a.C. Solone stabiliva una ricompensa di 500 dracme per ogni ateniese che riportasse una vittoria olimpica; somma considerevole, che all�epoca corrispondeva al valore di 100 buoi o 500 pecore. Dato che la partecipazione ad Olimpia presupponeva una preparazione di circa 10 mesi e che le competizioni venivano retribuite, si pu� a ragion veduta parlare di vero e proprio professionismo e definire professionista colui che trae il proprio reddito dallo sport. SCIENZA ECONOMICA-STATISTICA E SPORT Nel momento in cui la scienza economica ha iniziato ad interessarsi in maniera concreta allo sport si pu� introdurre la distinzione fra dilettantismo e professionismo, cio� il passaggio dalla fase eroica, caratterizzata dalla passione, dal sacrificio e dalla vittoria quale ricompensa morale del competere, alla fase in cui le attivit� sportive vengono considerate alla stregua di normali attivit� produttive, in cui gli atleti diventano i fattori della produzione, la competizione costituisce il bene offerto sul mercato, gli spettatori rappresentano i consumatori, le societ� di appartenenza interpretano il ruolo del datore di lavoro. Si pu� quindi cercare, in prima istanza, di considerare lo sport professionistico - quello di squadra e il calcio in particolare � nell�ottica di un�impresa produttiva, attraverso una riduzione delle componenti che lo contraddistinguono alla

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi