Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La dimensione collettiva nell'adolescenza: il gruppo dei pari

Questa breve tesi prende in esame un’età intermedia: l’adolescenza e prevede una divisione del lavoro in due parti.
In una prima parte descrittiva, cercheremo di evidenziare le problematiche principali del periodo adolescenziale con le sue caratteristiche distintive.
Nella seconda parte, attraverso un approfondimento delle dinamiche che si sviluppano all’interno del “gruppo dei pari”, cercheremo di fornire una possibile spiegazione al “bisogno” che l’adolescente ha, della dimensione collettiva, tanto ricercata ed ambito che influenza maggiormente il processo di costruzione dell’identità.
L’identità è una selezione contingente, un’attribuzione di senso che fa appello solo a risorse interne al sistema psichico.
Nell’ambito di questo scenario ipotizzato, di estrema complessità sociale, questa tesi si pone l’obiettivo di evidenziare la grande importanza della dimensione collettiva nell’adolescenza, quale momento in cui l’adolescente, attraverso dei veri e propri rituali, “vive”, soprattutto con i suoi “pari”, pratiche di socialità , di ricerca e di costruzione dell’ “identità”.
Inoltre, vorremmo tentare di far emergere quanto le risposte della società (in termini di modelli, regole, istituzioni....) siano ancora, di fatto, insufficienti - benché grandi passi avanti si siano fatti - a garantire all’adolescente un divenire “persona” senza la fatica di un vivere “spezzettato”.
Ciò che vogliamo affermare in questo lavoro è che gli adolescenti, spesso soli, confusi “senza efficaci filtri simbolici tra il Sè e le cose offerte dal sistema sociale che permettono di attenuare, ridurre, risolvere l’ansia” (Pieretti, 1996) cercano di difendersi dalla solitudine, dall’ansia, da una diffusa sensazione di malessere, talvolta di angoscia, di frustrazione, dalla “paura” della complessità del mondo che li circonda, rifugiandosi in una dimensione collettiva.
Crediamo di poter sostenere che, fuggono nel gruppo per evitare di entrare in contatto con la loro dimensione individuale, nella quale per lo più soffrono.
Confluiscono nel gruppo, identificandosi con esso, si de-individualizzano come strategia per combattere l’ansia, la paura e così sentirsi invincibili, immortali.
Sperano di trovare nel gruppo, risposte al loro bisogno di sicurezza, d’amore, risposte al loro senso di insufficienza a raggiungere l’acquisizione di una propria identità.
Nel gruppo e con il gruppo essi celebrano riti (incontri in determinati posti, giochi, sport, balli in discoteca, ...) che in quanto tali, con il loro ripetersi, immettono nuclei di stabilizzazione e gli permettono di ristrutturare simbolicamente il mondo circostante, di arginare il senso di smarrimento e confusione che spesso li assale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questa breve tesi prende in esame un’età intermedia: l’adolescenza e prevede una divisione del lavoro in due parti. In una prima parte descrittiva, cercheremo di evidenziare le problematiche principali del periodo adolescenziale con le sue caratteristiche distintive. Nella seconda parte, attraverso un approfondimento delle dinamiche che si sviluppano all’interno del “gruppo dei pari”, cercheremo di fornire una possibile spiegazione al “bisogno” che l’adolescente ha, della dimensione collettiva, tanto ricercata ed ambito che influenza maggiormente il processo di costruzione dell’identità. Prima di illustrare questo lavoro, riteniamo opportuno precisare sinteticamente alcuni macro-aspetti che fungono da sfondo a questo lavoro ed a cui costantemente abbiamo cercato di riferirci. Il passaggio da una società segmentaria ad una a differenziazione funzionale, il graduale dispiegarsi dell’economia di mercato, a fronte del parallelo declino del welfare state, le repentine trasformazioni nell’ambito della produzione e dell’economia, insomma i grandi mutamenti antropologici, hanno generato una serie di nuovi fenomeni sociali, tra cui certamente una diffusa insicurezza per il futuro. Si è accresciuto da un lato lo spirito competitivo, minando dall’altro, in profondità, il tono e la qualità delle relazioni interpersonali. Negli ultimi anni sono diverse le ricerche che affermano la esistenza di un diffusa forma di disagio giovanile -e non solo-, un disagio talvolta asintomatico:

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Mariano De Vincenzo Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9259 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.