Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il piano Beveridge e l'Italia: la reazione alla proposta di riforma del sistema di sicurezza sociale britannico negli anni di guerra 1942-1945

Nel dicembre 1942, in piena guerra mondiale, il liberale inglese William Beveridge diventò celebre per la pubblicazione di una inchiesta ministeriale sulla riorganizzazione dei servizi sociali da proporre per il dopoguerra. Il Social Insurance and Allied Service conosciuto universalmente come piano Beveridge è considerato il modello di welfare state che ha segnato la ricostruzione politica almeno nel continente europeo. L’idea di fondo era quella di sconfiggere i 5 elementi negativi della società contemporanea: povertà, malattia, ignoranza, squallore e disoccupazione. Per farlo era stato ipotizzato un articolato sistema di sicurezza sociale per intervenire in sostegno dell'individuo in caso di bisogno tramite assegni familiari, sussidi di disoccupazione, malattia, infortuni e naturalmente pensione di anzianità e invalidità. Era auspicata anche la creazione di un servizio sanitario nazionale.
L’accoglienza italiana al Beveridge report rappresenta un campo nuovo di studio.
La ricerca della tesi, realizzata con lo studio su fonti contemporanee, si è articolata lungo tre diversi percorsi:
1) la vita e le opere di William Beveridge
2) la reazione della stampa legale fascista
3) la propaganda alleata e la riflessione del mondo intellettuale antifascista.

La dimensione ideale del documento e il richiamo ai suoi principi fondanti (libertà dal bisogno, conglobamento dei rischi ecc.) è peraltro legittimata dalla pubblicistica recente, che è tornata sul lavoro dell’economista inglese nell’ambito del dibattito sulla riforma del welfare, avviata un po’ in tutta Europa, dalla metà degli anni ’80.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Beatrice Webb, in una corrispondenza per la rivista sovietica �Izvestia�, defin� il piano Beveridge �a bomb thrown into the political arena, which will hit Tories and Liberals who want to go back to the status quo.� 1 Era l�autunno 1942 quando William Beveridge present� al parlamento del Regno Unito i fascicoli, redatti dalla commissione interministeriale da lui presieduta, raccolti in un unico volume dal titolo Social Insurance and Allied Services. Questo testo, conosciuto universalmente come �Piano Beveridge�, segn� una svolta nella concezione della politica sociale contemporanea e suscit� grandi aspettative nel popolo britannico per il dopoguerra. Le parole di �libert� dal bisogno�, di �lotta ai cinque giganti malefici�, di �assistenza dalla culla alla bara�, circolarono, non solo in Gran Bretagna, con una certa insistenza a guerra ancora in corso. Scrive nella biografia di Beveridge Jos� Harris: �Beveridge�s report received maximum publicity in the press and was instantly seized upon by the Ministry of Information as a means of fostering wartime morale. Within a month the �Beveridge Plan�, as it was widely called, had sold over a hundred thousand copies and a special cheap edition was printed for circulation in the armed services. On the Continent abbreviated copies of the plan were circulated among underground movements in Nazi-occupied countries; and in Germany itself the Plan was interpreted by propagandists as �an especially obvious proof that our enemies are taking over national-socialistic ideas!� 2 1 Citazione riportata da Jos� Harris nella biografia di William Beveridge: J. Harris, William Beveridge. A Biography, Oxford, Clarendon Press, 1977, p. 424. 2 Ivi, p.420. In nota la stessa Harris riporta l�origine dei testi in tedesco relativi al Beveridge report �found in Hitler�s bunker in Sept. 1945.� Ibidem.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: David Mugnai Contatta »

Composta da 310 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15819 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.