Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina dell'assistenza e delle Onlus anche in relazione agli enti ecclesiastici

L'oggetto della tesi riguarda la digressione della disciplina dell'assistenza attraverso una analisi storica e giuridica delle leggi e modificazioni apportate alla realtà assistenziale dalla legge Crispi anteriore al 1900 sino agli ultimi interventi legislativi profondamente innovativi che hanno portato a una trasformazione sempre più marcata del sistema di assistenza e beneficenza. Analizza le principali istituzioni che si sono occupate di questo settore: dalle confraternite, alle IPAB, approdando alle recenti ONLUS. Il quadro è completato da un'analisi del regime analizzando il ruolo degli enti ecclesiastici e eventuale loro coincidenza con il sistema prospettato.

Mostra/Nascondi contenuto.
Tesi di laurea in Diritto Ecclesiastico LA DISCIPLINA DELL’ASSISTENZA E DELLE ONLUS ANCHE IN RELAZIONE AGLI ENTI CCLESIASTICI Il lavoro si pone l’obiettivo di analizzare e ricostruire la disciplina dell’assistenza partendo dai primordi dello stato moderno sino ad arrivare ai nostri giorni. Si noterà come il panorama legislativo sia stato dominato dalla vigenza di una legge che su tutte ha dettato la normativa applicabile al fenomeno assistenziale: la legge n. 6972 del 1890, meglio nota come legge Crispi e di come un sistema come quello assistenziale permeato di religiosità si sia trovato sottoposto per più di un secolo a un regime spesso lesino e mal adeguato alle esigenze sociali. La situazione previgente tale legge vedeva un interesse dello Stato nel settore della beneficenza che però non andava oltre la coordinazione a livello amministrativo delle diverse tipologie di enti riconoscendo una disciplina unitaria di tutti quegli enti che fino ad allora avevano gestito tale settore. Il quadro globale muta notevolmente quando lo Stato, nell’intenzione di muoversi per la lotta al pauperismo, non cerca di dar vita a strutture assistenziali nuove e alternative a quelle esistenti sul piano privato, bensì procede con l’incorporazione di tutti gli enti che operassero nel settore con conseguente soggezione al regime pubblicistico; la legislazione crispina rappresenta il primo intervento innovatore in materia di enti assistenziali dando vita ad un forte sistema assistenziale statalista sottoposto a quel mantello pubblicistico che a lungo graverà sugli enti che acquisteranno denominazione di istituzioni pubbliche di

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Masotta Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3483 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.