Skip to content

Il mandato nel diritto classico

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Rossi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giovanni Luchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Che cosa rappresenta la storia del diritto romano se non una tappa fondamentale per comprendere appieno tutta la storia della nostra cultura giuridica? In che senso si può affermare che il diritto romano è una parte essenziale della nostra cultura giuridica?
Lo sviluppo storico di questa gloriosa civiltà, dispiegandosi lungo un arco di due millenni e mezzo ci dà un’immagine unica dell’essenza storica del diritto, del mutare di significato delle sue norme col variare del mondo circostante, della progressiva elaborazione di valori sovratemporali. In questo modo diritto romano e tradizione giuridica europea si saldano l’uno all’altra.
E’ probabilmente proprio questo: il fascino oscuro del passato, di quella primordiale civiltà che a poco a poco assunse le dimensioni di uno Stato, uno Stato ampio e potente per forza e civiltà come prima non si era mai avuto, ad affascinarmi e a spingermi a condurre la mia ricerca tra quella preziosa eredità che gli antichi romani ci hanno tramandato. Una eredità così importante e così duratura che tutt’oggi ci serve per comprendere e conoscere lo sviluppo storico e le linee fondamentali di tutto il diritto; una eredità di cui noi siamo i custodi impegnati a garantirne la continuità e la memoria.
Ma non basta la semplice conoscenza delle sue linee di sviluppo, occorre saperle interpretare e tradurre sulla base dell’ambiente politico, sociale, economico e intellettuale; intendere la tradizione romanistica non significa perciò chiudersi nei suoi confini e farla semplicemente durare, ma interrogarsi sulle sue ragioni pratiche.
Praticamente mai si incontra nella storia dell’umanità un popolo la cui vita sia stata così dominata dal mondo concettuale della politica e del diritto, come quello romano.
Perciò tutti i settori della tradizione romana offrono un contributo essenziale per la ricostruzione della storia giuridica di Roma da cui, come ho già detto, discende a sua volta tutta la storia del diritto europeo.
Passando ora al mio elaborato cercherò di spiegare il perché di certe scelte strutturali illustrandone ogni singola parte.
Mi è sembrato indispensabile iniziare con una breve descrizione storico-giuridica articolata su tre punti fondamentali: il primo riguarda la collocazione del mandato nella sistematica dei contratti; il secondo invece si incentra su una questione che da sempre divide la dottrina: se tale istituto sia proprio dello ius gentium o dello ius civile mentre l’ultimo è dato dal confronto fra l’istituto del mandato e quello della procura.
Una volta fatta questa necessaria introduzione, sono passata all’analisi dei requisiti propri del mandato, indispensabili perché possa configurarsi correttamente, cominciando, al capitolo due, dalla costituzione.
Essendo il mandato un contratto consensuale bilateralmente imperfetto, gli elementi sui quali mi sono soffermata sono stati proprio questi e, dato l’inscindibile legame tra la bilateralità imperfetta e le obbligazioni delle parti, ho trattato anche queste. Ho proseguito poi, nel capitolo seguente, descrivendo la gratuità e il vario atteggiarsi degli interessi delle parti. Ho concluso quindi la descrizione dei requisiti con la trattazione del possibile oggetto del mandato passando poi alle cause di estinzione. Uno dei motivi per cui ho scelto questo argomento è la straordinaria vitalità del mandato che, sorto nel diritto romano ha saputo attraversare i secoli, arrivare fino a noi e trovare un posto nel nostro codice civile al capo IX, titolo III del libro IV.
Per questo motivo ho dedicato l’ultima parte della tesi all’evoluzione che, nel corso dei secoli, il mandato ha subito soffermandomi solo sulle tappe principali: partendo dall’epoca postclassica-giustinianea attraverso il diritto comune e i glossatori fino ai codici dell’Ottocento. Ho infine terminato con un breve scorcio della disciplina attuale, sottolineando gli elementi che maggiormente sono mutati.
Circa lo sviluppo del mandato in diritto romano non ho avuto difficoltà a trovare testi e fonti, necessario supporto della mia trattazione; infatti, come sappiamo la produzione è quanto mai ricca e articolata.
Per quanto riguarda invece la breve testimonianza portata sull’evoluzione e sviluppo dell’istituto nel corso dei secoli, i testi da me citati non sono molti, sia perché la produzione non è ricca quanto quella di epoca classica, sia perché la trattazione di tale parte deve rimanere secondaria rispetto a quella sul mandato nel diritto romano.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Che cosa rappresenta la storia del diritto romano se non una tappa fondamentale per comprendere appieno tutta la storia della nostra cultura giuridica? In che senso si può affermare che il diritto romano è una parte essenziale della nostra cultura giuridica? Lo sviluppo storico di questa gloriosa civiltà, dispiegandosi lungo un arco di due millenni e mezzo ci dà un’immagine unica dell’essenza storica del diritto, del mutare di significato delle sue norme col variare del mondo circostante, della progressiva elaborazione di valori sovratemporali. In questo modo diritto romano e tradizione giuridica europea si saldano l’uno all’altra. E’ probabilmente proprio questo: il fascino oscuro del passato, di quella primordiale civiltà che a poco a poco assunse le dimensioni di uno Stato, uno Stato ampio e potente per forza e civiltà come prima non si era mai avuto, ad affascinarmi e a spingermi a condurre la mia ricerca tra quella preziosa eredità che gli antichi romani ci hanno tramandato. Una eredità così importante e così duratura che tutt’oggi ci serve per comprendere e conoscere lo sviluppo storico e le linee fondamentali di tutto il diritto; una eredità di cui noi siamo i custodi impegnati a garantirne la continuità e la memoria. Ma non basta la semplice conoscenza delle sue linee di sviluppo, occorre saperle interpretare e tradurre sulla base dell’ambiente politico, sociale, economico e intellettuale; intendere la tradizione romanistica non significa perciò chiudersi nei suoi confini e farla semplicemente durare, ma interrogarsi sulle sue ragioni pratiche. Praticamente mai si incontra nella storia dell’umanità un popolo la cui vita sia stata così dominata dal mondo concettuale della politica e del diritto, come quello romano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mandato
procura
diritto romano
storia del diritto romano
vincenzo arangio ruiz
alan watson

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi