Skip to content

Mancanza di qualità pattuite ed Aliud pro Alio

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Battista
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1993-94
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gianfranco Palermo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

L’art. 1497 cod. civ. stabilisce che, quando la cosa venduta non abbia le qualità promesse ovvero quelle essenziali per l’uso a cui la cosa è destinata, il compratore può chiedere la risoluzione del contratto secondo le disposizioni generali sulla risoluzione per inadempimento, purché il difetto di qualità ecceda i limiti di tolleranza stabiliti dagli usi.
Il diritto di chiedere la risoluzione è comunque subordinato ai limiti di decadenza e di prescrizione stabiliti dall’art. 1495: il compratore in sostanza, per poter accedere alla risoluzione del contratto, ha l’onere di denunciare al venditore il difetto di qualità nel termine di decadenza di otto giorni dalla scoperta e l’azione si prescrive in ogni caso entro un anno dalla consegna.
Evidenziamo subito quali elementi distinguono la tutela concessa al compratore che abbia acquistato un bene privo di qualità pattuite o essenziali, rispetto alla normale tutela prevista dagli artt. 1453 ss.. Nei contratti con prestazioni corrispettive, il contraente che ha subito l’inadempimento non ha alcun onere di denuncia nei confronti della parte inadempiente, e l’azione di risoluzione è assoggettata alla ordinaria prescrizione decennale. (art. 2946 cod. civ.)
Inoltre l’art. 1455 subordina la risoluzione al fatto che l’inadempimento non abbia scarsa importanza rispetto agli interessi della controparte, mentre l’art. 1497 stabilisce che il contratto può risolversi solo se il difetto di qualità ecceda i limiti di tolleranza stabiliti dagli usi; ovvio che, laddove non ci siano usi, il rinvio operato dall’art. 1497 consente di applicare, anche in questo caso, il criterio della scarsa importanza dell’inadempimento previsto dall’art. 1455 (1).
L’onere della denuncia, stabilito a pena di decadenza dall’azione di risoluzione e il brevissimo termine di prescrizione previsto dall’art. 1495 cod. civ. costituiscono senz’altro una pesante compressione della tutela concessa all’acquirente di un bene privo di qualità, compressione che può spiegarsi solo in funzione di una tutela della certezza e della speditezza dei traffici commerciali.
Si vuole evitare, in sostanza, che l’alienante si trovi assoggettato, dopo troppo tempo, alla risoluzione del contratto, al fine di poter contare sul buon esito dell’affare.
Tenendo conto che l’onere della denuncia, nel brevissimo termine di otto giorni, è stabilito a pena di decadenza dal diritto di chiedere la risoluzione del contratto ed il risarcimento del danno e tenendo conto altresì del brevissimo termine di prescrizione, previsto dall’art. 1495 cod. civ., diventa problema di enorme importanza stabilire se l’art. 1497 cod. civ. comprenda in sé anche l’ipotesi di “consegna di cosa diversa”, l’ipotesi cioè in cui il venditore consegni “aliud pro alio”.
Il problema è cioè quello di capire se, nell’ipotesi in cui il venditore consegni un bene “radicalmente diverso” da quello pattuito, il compratore sia assoggettato ai limiti previsti dall’art. 1495 cod. civ., o se possa accedere alla normale tutela prevista dagli artt. 1453 ss. cod. civ., senza pertanto alcun onere di denuncia e usufruendo dell’ordinaria prescrizione decennale.
La relazione al Re del Guardasigilli (n. 138) depone senz’altro per la seconda soluzione: “Finora sotto la pressione delle cose e delle complicate sanzioni, la giurisprudenza per ragioni pratiche, era stata indotta a deviare dai precisi concetti di vizio e di difetto di qualità, mentre adesso l’aliud pro alio, ai fini di evadere dal secondo comma dell’art. 1497 cod. civ., cioè ai fini di escludere la necessità della denuncia entro otto giorni e di applicare il termine normale di prescrizione si avrà soltanto quando la cosa rientri in un genere diverso da quello contrattato”.
Certo, l’autonoma rilevanza dell’“aliud pro alio” rispetto alla mancanza di qualità, non può basarsi su tale relazione: le norme devono essere interpretate oggettivamente, e qualunque fosse l’intenzione dei codificatori, essa non ha alcuna rilevanza per l’interprete.
In ogni caso la dottrina e la giurisprudenza sono pressoché unanimi nell’attribuire autonoma rilevanza all’“aliud pro alio”, e quindi a sganciare la relativa tutela dai limiti dell’art. 1495 cod. civ.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA 1 - Oggetto dell’indagine. L’Art. 1497 cod. civ. stabilisce che, quando la cosa venduta, non abbia le qualità promesse ovvero quelle essenziali per l’uso a cui la cosa è destinata, il compratore può chiedere la risoluzione del contratto secondo le disposizione generali sul- la risoluzione per inadempimento, purché il difetto di qualità ecceda i limiti di tolleranza stabiliti dagli usi. Il diritto di chiedere la risoluzione è comunque subordinato ai limiti di decadenza e di prescrizione stabiliti dall’Art. 1495: il compratore in sostanza, per poter accedere alla risoluzione del contratto, ha l’onere di denunciare al venditore il difetto di qualità nel termine di decadenza di otto giorni dalla sco- perta e l’azione si prescrive in ogni caso entro un anno dalla consegna. Evidenziamo subito quali elementi distinguono la tutela con- cessa al compratore, che abbia acquistato un bene privo di qualità pattuite o essenziali, rispetto alla normale tutela pre- vista dagli Artt. 1453 ss. Nei contratti con prestazioni corri- spettive, il contraente che abbia subito l’inadempimento, non ha alcun onere di denuncia nei confronti della parte inadem- piente, e l’azione di risoluzione è assoggettata alla ordinaria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aliud pro alio
articolo 1497 del codice civile
mancanza di qualità
garanzia per vizi
diritto privato
vendita

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi