Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mobilità, qualità della vita e sviluppo sostenibile: l'uso della biciletta in ambiente urbano

E' possibile conciliare sviluppo e mobilità nelle città moderne, senza che ciò vada a scapito della salute, della qualità della vita e dell'ambiente? Analizzando modelli di sviluppo, costi e benefici dei vari modi e tempi di trasporto di persone e merci, e vari casi di città. tra le quali spicca Ferrara, vediamo quali politiche mondiali, europee e locali si sta cercando di sviluppare nel campo dei trasporti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa E’ utile, opportuno, necessario parlare e scrivere della bicicletta nel XXI secolo? Quello che cercheremo di dimostrare in questa tesi é l’opportunità di discutere, in quest'ambito, di un argomento che certamente di primo acchito può non apparire meritorio di tanta considerazione. In realtà un oggetto di uso quotidiano come questo può essere lo spunto per riflessioni profonde. Cercheremo infatti di dimostrare come la bicicletta possa a pieno titolo rientrare nel più vasto argomento della mobilità urbana, che a sua volta ha avuto ed ha pesanti ripercussioni sugli stili di vita, di comportamento e di socialità nelle città. La qualità dell’ambiente, il modello di sviluppo della nostra società, la percezione e la gestione del tempo e dello spazio, la salute psico fisica dell’individuo inurbato sono influenzati in modo significativo da tempi e modi dello spostamento (casa-scuola, casa-lavoro ecc.). Ecco perché le biciclette possono essere in realtà argomento di riflessione interdisciplinare, in relazione all’essere umano e ai suoi comportamenti, atteggiamenti, valori, credenze, partendo dalla sociologia per arrivare all’ecologia, passando per la psicologia e altro ancora. Per farci soffermare a riflettere, dovrebbe bastare la semplice considerazione che non più di 50 anni fa, per i nostri padri, al massimo per i nostri nonni (per i più giovani) la bicicletta rappresentava un bene prezioso, un mezzo di trasporto indispensabile, se non l’unico. Questo ci fa rendere conto, in un lasso di tempo che è veramente irrisorio nella storia umana, di quanto il mondo sia cambiato, di quanto rapidamente la tecnologia abbia mutato le condizioni di vita e gli equilibri sociali. 2000 anni fa la velocità media con cui le merci si spostavano nelle città era di 8 Km/h, ne più ne meno quella attuale (in alcune grandi città italiane come Roma e Napoli), con una

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Angelo Storari Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3640 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.