Skip to content

Analisi sperimentale sull'influenza dell'erosione localizzata nella dinamica dei torrenti montani

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Andreoli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze Forestali ed Ambientali
  Relatore: Mario Aristide Lenzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

Il presente lavoro ha messo in luce come il fenomeno dell’erosione localizzata a valle degli step risulti di notevole importanza nella dinamica evolutiva delle sequenze a gradinata. Se notevoli incertezze, infatti, esistono ancora su quale sia il meccanismo che da l’avvio alla formazione delle sequenze a step-pool, più chiaro sembra il ruolo fondamentale del processo di scavo nel “ripulire” la zona immediatamente a valle dei massi più grossi (massi cardine) e, in conclusione, di formare la pozza a valle dello step. Si è infatti visto come il getto “disegni” la buca di scavo rispettando dei precisi rapporti geometrici e caratterizzando di conseguenza l’aspetto tipico di una sequenza a step-pool.
L’attività di campo effettuata in questo lavoro ha previsto la misurazione sia degli scavi derivanti da opere trasversali, che di quelli rinvenuti nelle pool naturali, ovvero le pozze presenti nei torrenti montani che esibiscono la tipica struttura morfologica a gradinata. A tale riguardo in letteratura vi sono diversi studi, tuttavia nessuno ha finora cercato di analizzare le dimensioni delle pool con l’ottica di porle in relazione al processo di scavo localizzato.
In totale sono state misurate 122 buche di scavo (43 naturali, 79 artificiali) su 11 torrenti dell’Italia nord-orientale (province di Belluno, Trento e Bolzano). Di ogni sezione individuata sono stati rilevati 19 parametri tra cui i più importanti sono: massima profondità di scavo, salto del getto, lunghezza di scavo e lunghezza di massimo scavo, interdistanza tra gli step e tra le opere, distanza tra l’opera e la berma di valle, pendenza di risalita della buca di scavo, tirante idraulico sullo step/gàveta, diametro rappresentativo dei clasti formanti lo step naturale.
Una volta effettuati i rilievi morfologici, l’obbiettivo è stato quello di esaminare le relazioni reciproche tra i parametri che definiscono la morfologia e la geometria delle unità a step-pool. In particolare si è esaminata la buca di scavo a valle degli step ponendola in relazione con quella che si forma a valle di opere di sistemazione di tipo trasversale (briglie e soglie di fondo).
Attraverso un’analisi dimensionale, si è cercato inoltre di comprendere in che modo vengono organizzate le strutture a gradinata e quale geometria manifestino in funzione della portata idrica e della granulometria dominante considerando i principali parametri misurati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nel campo dell’idraulica e dell’idrologia, la dinamica fluviale e torrentizia rappresenta un argomento che ha assunto negli ultimi anni sempre maggiore importanza; lo studio morfologico dei corsi d’acqua, siano essi a carattere fluviale o torrentizio, svolge un ruolo fondamentale nel comprendere i meccanismi, molti dei quali ancora poco conosciuti, attraverso i quali le diverse tipologie si organizzano per raggiungere uno stato di equilibrio. Grazie alle nuove conoscenze acquisite in merito alle condizioni di formazione e di stabilità di alcune unità morfologiche naturali, quali i riffle-pool e gli step-pool, è stato dato un notevole impulso alla rinaturalizzazione di corsi d’acqua secondo criteri geomorfologici. Quanto elaborato da un punto di vista teorico, infatti, ha già trovato applicazione in alcuni corsi d’acqua come valida alternativa alle opere tradizionali (briglie e soglie). Il mantenimento di una conformazione morfologica, l’alterazione di equilibri preesistenti o la tendenza verso un diverso assetto morfologico si realizzano attraverso l’azione di svariati e diversi processi fluviali (erosione, trasporto, deposizione, etc.) che costituiscono il meccanismo essenziale per il funzionamento dell’idrosistema. A tale riguardo una caratteristica importante di tutti i corsi d’acqua, molto evidente in quelli a carattere torrentizio, è il fenomeno dell’erosione localizzata a valle di elementi trasversali presenti nell’alveo quali possono essere briglie e soglie di fondo o più semplicemente grossi massi che formano i cosiddetti steps. L’erosione localizzata (detta anche semplicemente scavo) concorre infatti in modo evidente alla dinamica formativa delle tipologie morfologiche dell’alveo. Appare quindi necessario iniziare a considerare questo importante fattore (local scour nella terminologia anglosassone) sia per meglio comprendere le dinamiche formative e di raggiungimento delle condizioni di equilibrio delle morfologie a step-pool, che per approntare interventi di sistemazione idraulico-forestale sempre più efficaci. Nel caso in cui gli interventi di sistemazione idraulico forestale dei corsi d’acqua, intesi come combinazione di metodi strutturali, tecniche di ingegneria biologico-naturalistica e di ricostruzione morfologica, non mirino ad assecondare ed accompagnare la naturale tendenza evolutiva dei sistemi fluviali, essi possono talora portare a risultati opposti a quelli inizialmente previsti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ricostruzione morfologica d'alveo
sequenze a gradinata
step-pool
torrenti montani
trasporto solido
erosione
idraulica montana
erosione localizzata

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi