Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Multilinguismo nel trattamento automatico del linguaggio naturale: UNL tra interlingua e linguaggio per computer

Lo scopo di questo lavoro è quello di mettere in evidenza i problemi legati all'analisi e alla produzione di linguaggio naturale attraverso i metodi computazionali, in modo particolare la traduzione automatica.
Nella prima parte vengono individuate le base teoriche che sono poi servite per lo sviluppo delle tecniche computazionali di traduzione; quindi un'analisi degli strumenti che la linguistica computazionale ha ideato per la creazione di modelli adatti all'interpretazione e alla riproduzione dei linguaggi naturali. Una seconda parte è interamente dedicata alla traduzione automatica e alla presentazione di alcuni sistemi commerciali.
L'ultima parte riguarda invece la presentazione di un progetto innovativo, Universal Networking Language (UNL): un linguaggio artificiale che consente di applicazioni non solo nel campo della traduzione automatica, ma in generale studiato per la presentazione multilingue di documenti; il fondamento di questo progetto è l'interlingua, un linguaggio cioè autonomo ed indipendente che faccia da passaggio tra due qualsiasi linguaggi naturali. Proprio per questa sua versatilità, UNL trova la sua collocazione in Internet, supportato da server linguistici specifici per ciascuna lingua uniti a software di conversione e deconversione.
UNL dovrebbe presto diventare una realtà commerciale, un mezzo che potrà essere inserito nei nostri computer e abbattere una delle ultime barriere di Internet, il nostro prediletto strumento informativo e comunicativo: la diversità linguistica.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Lo scopo di questo lavoro � quello di mettere in evidenza quali siano i problemi legati all�analisi e alla produzione di linguaggio naturale attraverso l�utilizzo di metodi computazionali. In modo particolare ho rivolto la mia attenzione alla traduzione automatica, uno strumento che fin dalla nascita dei primi calcolatori � stato oggetto di studio da parte di studiosi impegnati in ricerche in linguistica computazionale. Ho inizialmente tentato di individuare alcune teorie linguistiche che sono poi servite come base teorica allo sviluppo di tecniche computazionali di traduzione (cap. 1); mi sono poi dedicata all�analisi degli strumenti che la linguistica computazionale ha ideato per la creazione di modelli adatti all�interpretazione e alla riproduzione di linguaggi naturali (cap.2). I capitoli 3 e 4 sono interamente dedicati alla traduzione automatica, presentando le diverse strategie adottate per la progettazione dei sistemi e alcuni prototipi o sistemi commerciali; quindi, ho preso in esame uno degli aspetti pi� spinosi del linguaggio in un contesto di traduzione automatica: quello delle frasi idiomatiche e delle collocazioni. Infine ho presentato il progetto UNL (Universal Networking Language) il linguaggio artificiale che consente applicazioni non solo nel campo della traduzione automatica, ma in generale studiato per la presentazione multilingue di documenti. Il progetto, che ho avuto modo di seguire da vicino al CNR di Pisa, ha come fondamento l�interlingua; si presenta cio� come un linguaggio artificiale autonomo ed indipendente che funge da passaggio tra due linguaggi naturali; mi preme qui sottolineare che si differenzia da altri linguaggi artificiali, quali ad esempio l�Esperanto, in quanto la conoscenza dei suoi vocaboli e sintassi non � necessaria data la presenza di un software apposito per la conversione e deconversione di UNL da e in linguaggi naturali. UNL � stato studiato per trovare la sua collocazione in Internet e avere quindi il duplice vantaggio di lavorare con uno strumento veloce e capillarmente diffuso. UNL dovrebbe presto diventare una realt� commerciale, un mezzo che potr� essere inserito nei nostri computer per abbattere una delle ultime barriere di Internet, il nostro prediletto strumento informativo e comunicativo: la diversit� linguistica.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Francesca Parisi Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3858 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.