Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi e progettazione di un'applicazione di vendita on-line di servizi bancari con metodologia Uwa

Oggi si parla di “Ubiquitous and multi-device Web Application”: applicazioni per il web fruibili da tipologie diverse di utenti, accessibili mediante più dispositivi (ad esempio palmari, mobile phone, interactive-TV) ed in qualunque istante e luogo si trovi l’utente. L’obiettivo primario del Progetto UWA è la definizione di un set di metodologie, notazioni e tool a supporto della fase di design e prototipazione rapida di tale nuova categoria di Web Application.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 – Introduzione 5 1 Introduzione 1.1 Contesto Mobile computing, location-time awareness, application personalisation, user categories sono tutti termini sempre più ricorrenti nel settore delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT). L’esigenza di avere applicazioni web capaci di tenere in considerazione questi aspetti è assai ben nota. Tuttavia tra gli addetti ai lavori (operatori di telefonia, produttori di contenuti, software house) vige ancora una notevole confusione dovuta a vari fattori. Innanzitutto non è ancora ben chiaro che tipo di applicazioni, con le caratteristiche sopra menzionate, avranno successo e quali informazioni, servizi e caratteristiche l’utente cercherà nei prossimi anni. Al momento risulta poco chiaro anche quali saranno, tra gli aspetti precedenti, quelli che effettivamente risulteranno più rilevanti anche in relazione alle possibilità che le future tecnologie metteranno a disposizione. Infine, è evidente [1] come, in ambito industriale, non si ha ancora idea di quale metodologia seguire per realizzare applicazioni effettivamente efficaci, per essere sicuri che esse rispettino i requisiti innovativi che le contraddistinguono, e per limitare i costi davanti alla necessità di distribuire stessi “servizi” attraverso diversi dispositivi e canali, tenendo in considerazione le differenti categorie di utenti e gli aspetti di location-time awareness. La comunità scientifica sostiene [2-5] che è necessaria l’adozione di un insieme di metodologie che prendano in considerazione questi aspetti innovativi, i quali caratterizzeranno le applicazioni web di cui, da qui a breve, gli utenti potranno usufruire. Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una continua evoluzione delle applicazioni ipermediali, evoluzione che non accenna a fermarsi. Le prime applicazioni per il web, definite in letteratura Web Application di prima generazione [6,7], sono caratterizzate dall’unione di aspetti multimediali con il paradigma ipertestuale in cui particolare importanza assume la navigazione tra le

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luca Pitotti Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1130 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.