Skip to content

La recidiva

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Lemmi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1976-77
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Franco Coppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

Tesi sull'istituto della recidiva disciplinato dall'articolo 99 del vigente codice penale. Cenni storici, esame delle varie concezioni intese a giustificare l'aumento della pena, natura giuridica ed analisi approfondita, in tutte le sue implicazioni, dell'articolo 99.
Dall'epoca della sua stesura la disciplina dell'istituto è rimasta inalterata. C'è stata una iniziativa parlamentare presentata in data 10/3/99 ed assegnata alla 2^ Giustizia in sede referente in data 25/3/1999, ma tutt'ora non risulta ancora iniziato l'esame. La stessa, composta da due soli articoli, propone in sostanza: 1) la reintroduzione del principio della obbligatorietà e 2) la stessa viene fatta concorrere, obbligatoriamente, a definire la pena base senza che sia consentito il bilanciamento con le circostanze attenuanti.
La suddetta tesi ha analizzato l'istituto della recidiva in ogni suo minimo particolare, sia concettuale che normativo, per cui, seppur datata, rappresenta una buona base di conoscenza che, con gli opportuni aggiornamenti, specialmente giurisprudenziali, riesce ad inquadrare ed esporre compiutamente l'istituto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Tesi di Laurea: LA RECIDIVA CAPITOLO PRIMO Cenni storici – Polemica abolizionista ________________________________________________________________________________ CENNI STORICI La parola recidiva etimologicamente deriva dal verbo latino “recidere”, cioè ricadere, in particolare ricadere in una stessa situazione e specialmente in una malattia. Da essa deriva così l’aggettivo recidivo con il quale s’intende colui che torna di nuovo alle cose di prima. Il concetto di recidiva, intesa come una possibile rivelazione di maggiore perversità giuridica, non si presentò chiaro né al legislatore, né ai giuristi fino al secolo XIX. La recidivanza era limitata ad un determinato numero di delitti, in particolar modo al reato di furto, quasi sempre preso in considerazione e sempre punito con gravissime pene; ma non vi era sicuramente una chiara teoria scientifica che delimitasse ed individuasse i criteri necessari per una retta applicazione del concetto. L’aggravamento di pena per il recidivo ha trovato riscontro in antichissime legislazioni, come per esempio nel diritto mosaico nel quale, essendo considerato il delitto come un’offesa a Dio, la ricaduta veniva ad essere interpretata come una ribellione più audace e più ardita nei confronti della potestà divina e, quindi, meritoria di più intensa sofferenza. Nella legislazione penale romana non troviamo una teoria generale dell’istituto nonostante che inasprimenti severi di pena fossero previsti per coloro che ricadevano nel delitto. Veniva presa in considerazione quasi esclusivamente la recidiva specifica e particolari reati come la grassazione, la concussione, la subornazione di testimoni e la diserzione, venivano perseguiti più severamente. Non troviamo una esatta distinzione tra recidiva e reiterazione; in alcuni casi essa assurgeva addirittura alla qualifica di elemento costitutivo di certi delitti in quanto soltanto la ripetizione di certi fatti veniva concretizzando autonome fattispecie criminose. E’ interessante notare come già si giustificava l’aumento della pena con argomenti che tuttora troviamo presenti, come la dimostrata insufficienza della pena precedentemente inflitta e la maggiore perversità del reo. Nelle leggi barbariche non viene data importanza al fenomeno; solo in un secondo momento viene presa in considerazione, ai fini dell’aumento della pena, la ricaduta nel reato di furto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto penale
reati della stessa indole
recidiva
articolo 99 del codice penale
d. lgs. 99-1974

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi